PERBELLINI TNV

C'E' LA FIRMA  <br/>NENE' E' DEL VERONA

C'E' LA FIRMA
NENE' E' DEL VERONA

Adesso non ci sono dubbi. Anderson Miguel Da Silva, per tutti Nenè, è un giocatore del Verona. Ha firmato un contratto annuale con opzione per il secondo ed è pronto per unirsi ai suoi nuovi comp...

Corrà Sicurezza Telenuovo
TERZO TEST
Pellissier ancora in gol   <br/>Tris Chievo al Coventry

Pellissier ancora in gol
Tris Chievo al Coventry

Tris del Chievo al Coventry nel terzo test del ritiro di San Zeno di Montagna. Succede tutto nel primo tempo grazie alle reti di Biraghi, Kupisz e al rigore di Pellissier. Corini ha provato alcune varianti rispetto al 4-3-1-2. Intanto Gamberini ha già raggiunto la squadra in ritiro.CHIEVO 3-0 COVENTRYRETI: 2’ Biraghi (C), 15’ Kupisz (C), 33’ Pellissier rig. (C)CHIEVO PT (4-3-3) Bardi; Sardo, Frey, Cesar, Biraghi; Kupisz, Radovanovic, Hetemaj; Sestu, Pellissier, Meggiorini.All. CoriniCHIEVO (4-3-3) Puggioni; Sardo, Frey, Zukanovic, Edimar; Kupisz, Bentivoglio, Guana; Sbaffo, Bellomo, Paloschi.All. Corini
MERCATO VERONA
CESSIONE ROMULO    <br/>JUVE VICINA ALL'ACCORDO

CESSIONE ROMULO
JUVE VICINA ALL'ACCORDO

Passi in avanti della Juventus per arrivare a Romulo. I contatti tra Paratici e Sogliano sono continuati anche ieri e l'accordo è vicinissimo. Il club bianconero è pronto ad ingaggiare Romulo in prestito oneroso con l'obbligo di riscatto a fine stagione a otto milioni di euro. Entro questa settimana è attesa la fumata bianca. (L.F.)
ANALISI DOPO LA PRIMA AMICHEVOLE
CIAK, BUONA LA PRIMA      <br/>CHANTURIA? CRESCERA'...

CIAK, BUONA LA PRIMA
CHANTURIA? CRESCERA'...

L'acido lattico avvelena i muscoli e la testa. Senza questa premessa non si può nemmeno star qui a parlare della prima amichevole. Come sempre è una partita che arriva dopo giorni di intensa preparazione. Se il giorno prima fai le ripetute sui quattrocento metri, è dura avere la velocità di gambe ma anche di pensiero. L'analisi, dopo la partita dell'Hellas vinta per 3-0 contro il Sankt Georgen, deve per forza partire da questo punto. Bisogna cercare allora tra le pieghe della prestazione, per intravvedere quello che sarà il Verona del futuro.4-3-3, MA NON SOLO. Mandorlini è partito dal suo modulo, ma nel secondo tempo ha provato anche col 4-3-1-2, mettendo il giovane Mattia Valoti a fare il trequartista. In questi giorni il tecnico sta lavorando moltissimo sull'intensità e i tempi di gioco. Inserimenti dei laterali, opzioni offensive, tagli. Si parte da due capisaldi. Inizia la manovra il play (Donati), il terminale è Luca Toni. Le variabili sono due: Chanturia (sinistro naturale messo a destro per rientrare a calciare) e Jankovic a sinistra. Toni può essere il finalizzatore, ma anche il perno su cui appoggiare la manovra per gli inserimenti dei centrocampisti. Il Verona ha cercato questi movimenti nel primo tempo. Come in allenamento senza gli avversari, non è importante segnare, ma come ci si arriva. Almeno in questa fase della stagione.CHANTURIA, IL VALORE AGGIUNTO. Non è Iturbe. Toglietevelo dalla testa. Ha altre caratteristiche. Ed è quello che sta pagando di più la preparazione. Bisogna leggere tra le righe per capire la sua prestazione. Ha i piedi delicati. Ha messo giù deliziosamente una palla a "pimpinella" sulla linea dell'out. Ha cercato Luca Toni, ma non sempre. Luca si è lamentato un pochino, anche in allenamento lo ha ripreso. L'intesa tra i due deve ancora nascere. E' fondamentale, per il bene del Verona, che si capiscano, come si erano capiti subito l'anno scorso il gaucho d'argentino e il bomber mondiale. I crismi del buon giocatore ci sono. Vedremo se è un fuoriclasse.JANKOVIC TIRATO. Bosko è dimagrito, vuole "spaccare" il mondo. E' uscito dal campo mormorando tra sè: "Male, molto male". Non è vero. Ha perso qualche pallone, ma è logico in questo periodo. Può fare molto meglio, soprattutto deve riuscire a sfruttare la sua fiondata. Tira troppo poco. E' come avere un bazooka a disposizione e usarlo per fare l'uncinetto.DONATI E I SUOI FRATELLI. Comanda la squadra, dirige il traffico. Massimo Donati è un leader naturale. Parte dai suoi piedi la manovra. Probabilmente lì Mandorlini ha altre idee, può darsi che sia Tachtsidis a giocare da "4". Intanto però Massino sta crescendo e dal centrocampo arrivano note liete. Lui Hallfredsson, Obbadi, Valoti, Sala e Ionita sono già su buoni standard. E mancano appunto ancora Lazaros e Taxi...SORPRESE SUGLI ESTERNI. Se pensi a questa squadra come ad un gruppo "working in progress", subito l'attenzione si concentra sulla difesa e sugli esterni. E' lì che Sogliano deve lavorare di più. Però, Martic, Zampano e il vecchio (si fa per dire...) Agostini se la sono cavata egregiamente. Marques e Gonzalez non sono stati testati a sufficienza dall'attacco del St Georgen (dove peraltro scorazzava questo Accrachi...). Gonzalez è stato saltato da un pallone imbizzarito da una zolla, e qualcuno ha mugugnato. Non è da questi particolari, direbbe De Gregori, che si giudica un difensore. Non sarebbe giusto. Invece Gonzalez è apparso molto più dentro la manovra. L'azione spesso è ripartita da lui e con Marques sta trovando affinità. Bene, anzi molto bene, Bianchetti nel secondo tempo.IN CONCLUSIONE... Come sempre Mandorlini dà un'idea alle sue squadre. Come sempre è evidente la mano dell'allenatore, che, come sempre, in questo periodo è concentratissimo sul suo lavoro. Deve vagliare, testare, farsi un'idea. Non è facile lavorare senza avere la squadra al completo, ma è stato così anche l'anno scorso. Sogliano sta lavorando per portare rinforzi, ma l'assurdo calciomercato, lungo e inutile, è un ostacolo alla programmazione. Tutti gli addetti ai lavori, ormai affermano che gli affari importanti si fanno solo agli ultimi giorni. E allora cosa serve tenere aperte le contrattazioni sino a campionato iniziato? Bah...GIANLUCA VIGHINI
MERCATO
NENÈ-VERONA      <br/>C'È L'ACCORDO

NENÈ-VERONA
C'È L'ACCORDO

Anderson Miguel da Silva, detto Nenè, attaccante svincolato dal Cagliari è ormai dell'Hellas Verona. L'accordo è stato trovato mercoledì pomeriggio. L'affare è fatto, anche se non ancora formalizzato. Mancano pochi dettagli comunque. Classe1983 (compirà 31 anni il prossimo 28 luglio), Nenè arriva a parametro zero. Sarà in pratica il vice Toni (questo significa che Sogliano acquisterà anche un altro giocatore per il reparto offensivo, probabilmente un esterno). Nenè ha vestito la maglia del Cagliari dal 2009 al 2014, totalizzando 124 presenze e 23 reti. (g.vig.)
HELLAS, ECCO IONITA:    <br/>SONO UN DURO

HELLAS, ECCO IONITA:
SONO UN DURO

"Sono un duro. La mia dote? Il carattere. Arrivo da una famiglia umile. Mio papà ha cercat...

RITIRO A RACINES
PRIMO TEST MATCH                   <br/>VERONA-ST GEORGEN 3-0

PRIMO TEST MATCH
VERONA-ST GEORGEN 3-0

Contro i dilettanti del Saint Georgen Mandorlini schiera il solito 4-3-3 con Rafael in porta, Martic, Gonzalez, Marques, Agostini in difesa. Sala, Donati e Hallfredsson a centrocampo; Chanturia, Toni e Jankovic in attacco. La partita è equilibrata. Il Verona un po' imballato, il St Georgen volitivo e vicino al gol dopo 5 minuti (fuorigioco dubbio segnalato alla punta Accraci). Il Verona esce alla distanza e passa in vantaggio con Toni su rigore (Martic messo giù sul limite dell'area). 1-0 per i gialloblù a fine primo tempo. Nella ripresa Mandorlini cambia radicalmente la formazione: dentro Nicolas, Zampano, Bianchetti, Obbadi, Ionita, Valoti, Rabusic e Gomez. Restano in campo Marques, Agostini e Donati. Cambia leggermente l'attacco con Valoti trequartista, Gomez e Rabusic punte. Rabusic è tra i più vivaci, ma fatica a trovare la porta in tre occasioni nel primo quarto d'ora della ripresa. Segna invece Valoti al 19' che a pochi passi dalla porta anticipa proprio Rabusic che stava colpendo a botta sicura. Verona che continua ad attaccare, mentre il Saint Gerogen sembra un po' in debito d'ossigeno. Al 39' arriva il terzo gol firmato da Zampano. Verona padrone del campo, St Georgen in difficoltà. Finisce 3 a 0 per il Verona. Prossima amichevole domenica a Bolzano con il Rubin Kazan (inizio alle 18:30). (L.F.)
MERCATO
VERTICE MANDORLINI     <br/>SOGLIANO A RACINES

VERTICE MANDORLINI
SOGLIANO A RACINES

Pochi minuti prima dell'inizio della prima amichevole dell'Hellas contro il Saint Georgen, c'é stato un incontro tra Sogliano e Mandorlini. Il tecnico ha spiegato al ds le sue prime impressioni dopo quasi una settimana di lavoro. Sogliano, che è arrivato a Racines dopo una mattinata di lavoro in sede, sta per chiudere alcune situazioni aperte. Nenè potrebbe essere il prossimo rinforzo. Si respira un'aria di grande collaborazione in società.GIANLUCA VIGHINI
GIOVANE ACQUISTO
Ufficiale, Cappelluzzo   <br/>nuovo attaccante Hellas

Ufficiale, Cappelluzzo
nuovo attaccante Hellas

Pierluigi Cappelluzzo è un giocatore del Verona. Classe 1996, punta centrale, Cappelluzzo è stato ufficializzato oggi dal club gialloblù. Andrà a rinforzare la Primavera di Pavanel. Nell'ultima stagione ha giocato con il Siena. Ora è già in ritiro a Racines ad allenarsi con la prima squadra.
A Burnley in aereo   <br/>con la Curva Sud

A Burnley in aereo
con la Curva Sud

La Curva Sud organizza un volo charter per l'amichevole in Inghilterra contro il Burnley. Preno...

MERCATO VERONA
Hellas, per la corsia di     <br/>destra c'è anche Faraoni

Hellas, per la corsia di
destra c'è anche Faraoni

E' rientrato nell'Udinese dopo una stagione da protagonista nel Watford con Sannino allenatore (championship inglese, la nostra serie B). Davide Faraoni, classe 1991, è tra gli obiettivi del Verona per la corsia di destra. Faraoni può giocare sulla linea dei centrocampisti, ma anche esterno basso. (L.F.)
EX GIALLOBLU'
E BAGNOLI SABATO TORNA        <br/>IN PANCHINA

E BAGNOLI SABATO TORNA
IN PANCHINA

Ci sarà anche Osvaldo Bagnoli sabato 26 luglio a Racines a guidare i suoi ragazzi nella gara amichevole a Racines contro la nazionale magistrati italiani (ore 16, ingresso gratuito). E' una delle tante manifestazioni del week-end gialloblù in programma questo fine settimana nella località alto atesina che ospita il Verona. Oltre alla partita che vedrà protagonisti alcuni giocatori dello scudetto (Fanna e Sacchetti) e gli altri grandi della storia del Verona come Nico Penzo, venerdì 25 luglio, lo cehf Andrea Mantovanelli animerà l' "Hellas Kitchen show cooking point", dove si potranno assaggiare i piatti della tradizione veronese cucinati con i prodotti locali.A Bolzano, poi, domenica 27, a Bolzano la grande amichevole internazionale con il Rubin Kazan. L'inizio è fissato alle 18.30. Anche questa gara sarà trasmessa in diretta esclusiva da Telenuovo con un ampio pre partita e un ricco post gara.
IN RITIRO
PALESTRA, TATTICA    <br/>E OGGI AMICHEVOLE

PALESTRA, TATTICA
E OGGI AMICHEVOLE

Continua la preparazione del Verona a Racines. Nonostante la prima amichevole di oggi pomeriggio con il St Georgen, Mandorlini ha fatto sostenere una seduta mattutina. Palestra e seduta tattica sul campo. Cresce la condizione. Numeri di Chanturia (ieri autore di una splendida doppietta nella partitella, buone cose da Ionita e Martic. In cattedra Obbadi, un grande lavoratore, visione di gioco e intelligenza tattica. Moltissimi tifosi stanno arrivando a Racines. Già stamattina la tribunetta coperta del campo altoatesino era affollata. Nel pomeriggio, appunto, l'amichevole col St Georgen, trasmessa in diretta esclusiva da Telenuovo dalle 18 (anche in streaming su tggialloblu.it). (g.vig.)
MERCATO
ATTACCO HELLAS, PRONTO    <br/>UN BIENNALE PER NENÈ

ATTACCO HELLAS, PRONTO
UN BIENNALE PER NENÈ

In attesa di sferrare un colpo a sorpresa negli ultimi giorni di mercato, il diesse gialloblù Sogliano sta lavorando per dare a Mandorlini una valida alternativa in attacco. L'opzione Nenè sta trovando conferme da più parti. L'ex Cagliari, 31 anni, è svincolato e sta valutando la proposta del Verona (biennale da 500mila euro a stagione). Su Nenè c'è sempre il Bologna ed ora anche il Genoa. (L.F)
MERCATO HELLAS
DIFESA HELLAS, COMPPER     <br/>MA NON SOLO

DIFESA HELLAS, COMPPER
MA NON SOLO

Marvin Compper, difensore tedesco della Fiorentina, classe 1985, è da tempo un obiettivo del Verona. La proposta gialloblù è stata avanzata, ma il giocatore ha anche altre offerte (Wolfsburg) e deve decidere. Nelle ultime ore è uscito il nome di Guillermo Rodriguez, classe '84, difensore in uscita dal Torino. Sogliano valuta anche Antonsson del Bologna e pensa allo svincolato Anthony Reveillere, classe '79, ultima stagione da spettatore nel Napoli. (L.F.)
COPPA ITALIA
Chievo, il 24 agosto  <br/>inizia la Coppa Italia

Chievo, il 24 agosto
inizia la Coppa Italia

È stato stilato oggi il tabellone 2014/2015 della Coppa Italia. Il Chievo debutterà nel terzo turno domenica 24 agosto. Tre le squadre che potrebbe affrontare: Albinoleffe, Renate e Pescara. Albinoleffe e Renate, infatti, si affronteranno nel 1° turno di Coppa Italia e chi vincerà sfiderà nel secondo turno il Pescara.
TIM CUP
Coppa Italia, Hellas in       <br/>campo il 24 agosto

Coppa Italia, Hellas in
campo il 24 agosto

Inizierà domenica 24 agosto al Bentegodi l'avventura del Verona in Coppa Italia. La squadra di Mandorlini infatti scenderà in campo nel terzo turno in attesa del confronto Cremonese-Nuova Cosenza nel primo turno: la vincente affronterà poi il Trapani nel secondo. PRIMO TURNO (10 agosto)Cremonese-CosenzaSECONDO TURNO (17 agosto)Trapani-Vincente primo turnoTERZO TURNO (24 agosto)Hellas Verona-Vincente secondo turno
L'INTERVISTA
GOLLINI: VI RACCONTO    <br/>IL FASCINO DI MANCHESTER

GOLLINI: VI RACCONTO
IL FASCINO DI MANCHESTER

19 anni, tanta voglia di crescere e di diventare un campione. Pierluigi Gollini, classe 1995, è reduce da un'esperienza di 3 anni con il Manchester United: 2 stagioni con l'under 18, una con l'under 21 a stretto contatto con la prima squadra. "Sono stati tre anni fantastici, dove ho imparato tanto, ma avevo voglia di tornare in Italia anche perché la nostra scuola per i portieri resta la migliore". L'impatto con Verona è stato eccezionale. "Non mi aspettato un entusiasmo del genere alla presentazione. Ho capito che il tifo veronese è speciale, caloroso, unico. Con i miei nuovi compagni mi sono trovato subito bene. Rafael mi ha accolto benissimo, Toni è un leader ma è anche disponibile con i più giovani. Sono contento della scelta che ho fatto. Verona è una piazza importante. Voglio e devo imparare ancora tanto, ma nello stesso tempo voglio giocarmi le mie carte per mettere in difficoltà il mister nelle scelte". (L.F.)
UFFICIALE AL BOLOGNA
Il Verona ringrazia     <br/>Maietta: 4 anni stupendi

Il Verona ringrazia
Maietta: 4 anni stupendi

Come previsto in mattinata è arrivata l'ufficialità del passaggio di Maietta al Bologna a titolo definitivo. L'Hellas Verona ha voluto ringraziare il giocatore per i suoi trascorsi in gialloblù. Questo il comunicato ufficiale apparso sul sito internet del club scaligero. "L'Hellas Verona FC comunica di aver ceduto, a titolo definitivo, le prestazioni sportive del calciatore Domenico Maietta alla società Bologna F.C. 1909. Mimmo lascia il Verona dopo 120 presenze in campionato e 5 bellissimi gol. Il suo esordio in maglia gialloblù risale al 22 agosto 2010, in occasione di Paganese-Hellas Verona. Per lui 4 stagioni e una scalata dalla Lega Pro alla Serie A, ma soprattutto tanta passione e tantissima leadership.Per questo a Mimmo la società Hellas Verona FC augura le migliori fortune sportive per il prosieguo di una brillante carriera e ringraziarlo per l'ultima volta: #GrazieMimmo".
MERCATO
Chievo, arriva Gamberini   <br/>Visite e poi ritiro

Chievo, arriva Gamberini
Visite e poi ritiro

Alessandro Gamberini è pronto per il Chievo. L’ex difensore della Fiorentina e dell'Hellas ormai in uscita da Napoli effettuerà oggi le visite mediche per poi raggiungere, domani pomeriggio, i nuovi compagni in ritiro a San Zeno. Classe 1981 rinforzerà la difesa di Corini.
MERCATO VERONA
MAIETTA AL BOLOGNA       <br/>BUONUSCITA E TRIENNALE

MAIETTA AL BOLOGNA
BUONUSCITA E TRIENNALE

Mimmo Maietta è un giocatore del Bologna. Ci sono le firme, oggi la documentazione sarà depositata in Lega e il passaggio del difensore nel club rossoblù diventerà ufficiale. 3 anni di contratto a 400mila euro a stagione i termini dell'accordo. Maietta riceverà dal Verona una buonuscita di 100mila euro.In un primo momento Maietta era stato inserito nell'operazione Lazaros, ma Mimmo rifiutò il trasferimento. Non convocato per il ritiro di Racines e nemmeno per la presentazione in via Sogare, il difensore ha capito di non avere futuro in gialloblù ed ha detto di sì alla proposta del Bologna. (L.F.)
SCALIGERA BASKET
Reati: Volevo solo   <br/>restare a Verona

Reati: Volevo solo
restare a Verona

"Della mia conferma si era parlato, da ambo le parti, già la passata stagione. L'idea del rinnovo c'era già e questo non ha potuto che farmi piacere. A Verona mi sono trovato molto bene con la società, con lo staff, coi compagni, con la città. Volevo restare". Queste le prime dichiarazioni di Davide Reati, uno dei punti fermi della Tezenis Verona anche del prossimo campionato, alle prese con quotidiani allenamenti nella sua Cernusco sul Naviglio dopo due settimane di vacanza negli USA. "Sempre bello andare negli Stati Uniti. Sono tornato a New York, sempre bella. Mi ha colpito molto l'atmosfera che si respirava a Washington il 4 luglio, nel giorno dei festeggiamenti per l'indipendenza americana. Giorni in cui mi sono proprio estraniato da tutto. Mi ci voleva. Qui a Cernusco ho tutto per iniziare a lavorare nel migliore dei modi. C'è un centro sportivo con piscina, palestra, fisioterapista oltre naturalmente al campo da basket. Il tiro va esercitato di continuo. La mia media da tre? Meglio da quando la linea è a 6.75, la mia miglior stagione è stata proprio quando la distanza dal canestro si è allungata. Anche quest'anno è andata bene, anche se la classifica l'ho anche persa di vista anche se capisco che per un tiratore come me le medie sono importanti. Per me continua a contare di più la squadra, quello che la Tezenis ha dimostrato di essere sempre più, partita dopo partita, nel corso della stagione. Io quarto assoluto? Sono contento, anche se non voglio darci troppo peso. L'interesse di Biella nei miei confronti? Ogni anno spunta, immancabile, che sia reale o meno. Succedeve puntualmente anche quando ancora ero nelle giovanili. La verità è che non ho mai preso veramente in considerazione altre proposte all'infuori di quella di Verona. Non è facile trovare in giro una società come la Tezenis. Così sana, organizzata, che vuole puntare in alto e con questa chiarezza di idee".
PRECAMPIONATO
VERONA IN AMICHEVOLE COL       <br/>BURNLEY IL 9 AGOSTO

VERONA IN AMICHEVOLE COL
BURNLEY IL 9 AGOSTO

Amichevole suggestiva sabato 9 agosto per il Verona che volerà in Inghilterra per affrontare il Burnley, formazione neopromossa in Premiere League. Il match di disputerà nello stadio "Turf Moor" di Burnley nel Lancashire.Il fischio d'inizio è in programma alle 16 ora italiana. Telenuovo trasmetterà l'incontro in diretta.
ESCLUSIVA
DIRETTA RITIRO HELLAS       <br/>SU TELENUOVO DALLE 18:15

DIRETTA RITIRO HELLAS
SU TELENUOVO DALLE 18:15

Grande appuntamento a partire dalle 18:15 per tutti i tifosi del Verona. Telenuovo trasmetterà in diretta immagini esclusive e interviste dal ritiro di Racines. Collegamenti con il nostro inviato Gianluca Vighini.
IN RITIRO
VERONA, ALLENAMENTO    <br/>SOTTO LA PIOGGIA

VERONA, ALLENAMENTO
SOTTO LA PIOGGIA

Pioggia e temperature fredde. Ma il Verona non si ferma. Anche oggi Mandorlini ha in programma una doppia seduta. Al mattino la squadra ha lavorato in palestra per la prima parte dell'allenamento ed è poi uscita per rifinire sul campo la preparazione fisica. Solo i quattro portieri agli ordini di Ermes Morini hanno lavorato interamente sul campo. Rafael, Nicolas, Gollini e il giovane Ferrari (quest'ultimo, classe '96, arriva dalla Primavera del Milan, è un "bestione" alto 1.95...), sono stati messi a dura prova dall'allenatore. Poi, come è ormai tradizione, seguiti da decine tifosi, i giocatori nonostante il clima freddo, si sono immersi nel torrente per "calmare" le fatiche dell'allenamento. (g.vig.)
MERCATO
MARQUEZ, UN SOGNO        <br/>(QUASI) IMPOSSIBILE

MARQUEZ, UN SOGNO
(QUASI) IMPOSSIBILE

Marquez? Una bella idea di mercato. Forse solo un sogno. Come ha detto Sean Sogliano. Un sogno che il Verona ha coltivato e che coltiva, ma realisticamente le possibilità che l'ex fuoriclasse del Barcellona venga al Verona sono prossime allo zero. Sogliano non vende fumo e per questo non alimenta speranze che poi non si possono realizzare. L'ingaggio di Marquez è fuori portata, oltre quel milione di euro che nel Verona prende il solo Luca Toni e che è ritenuto il tetto massimo invalicabile. Sogliano però non ha scartato a priori l'ipotesi. Ha solo detto che è un affare "quasi impossibile". E quel "quasi" denota due cose: la prima che il ds del Verona ci sta lavorando la seconda che a volte anche i sogni impossibili si possono realizzare. (g.vig.)
BOTTA E RISPOSTA
E GRIGNANI SCHERZA SUL    <br/>WEB COI TIFOSI HELLAS

E GRIGNANI SCHERZA SUL
WEB COI TIFOSI HELLAS

Da una parte la solita goliardia: i tifosi del Verona gli hanno dedicato uno striscione alla presentazione della squadra ("Grignani libero"), dopo la notizia dell'arresto del cantautore che aveva dato in escandescenza, pare dopo una serata ad alto tasso alcolico.Dall'altra tanta ironia e probabilmente qualche sana risata in un periodo della sua vita non felicissimo. E' stato un botta e risposta giocato sul filo dello scherzo e della battuta quello tra i supporters scaligeri e il cantautore Gianluca Grignani. Che ha risposto sul web allo striscione dei tifosi: "Ah ah ah ah addirittura!!! Grazie mille ragazzi, di cuore. Libero lo sono... in tutti i sensi... Nonostante tutto...Grazie ancora. G.".
AMICHEVOLE A SAN ZENO
Cinque reti alla Virtus   <br/>Doppietta di Meggiorini

Cinque reti alla Virtus
Doppietta di Meggiorini

Cinque reti del Chievo nella seconda uscita stagionale a San Zeno di Montagna contro la Virtus di Gigi Fresco. Per i gialloblù sono andati a segno Maxi Lopez, Pellissier e Meggiorini con una doppietta oltre all'autorete di Allegrini. Corini nei primi due tempi ha utilizzato il 4-3-1-2, modulo base per la prossima stagione: nel terzo tempo invece spazio al 4-3-3. Ancora una volta non hanno giocato Dainelli e Lazarevic oltre a Luca Rigoni.CHIEVO 5-1 VIRTUS VECOMPRETI: 20'pt Dimas (VV), 40'pt Allegrini aut. (C), 44'pt Maxi Lopez (C), 6’tt Meggiorini (C), 19'tt Meggiorini (C), 27'tt Pellissier (C).Chievo PT (4-3-1-2) Bardi; Frey, Papp, Cesar, Biraghi; Radovanovic, Guana, Hetemaj; Birsa; Paloschi, Maxi Lopez.All. CoriniChievo ST (4-3-1-2) Puggioni; Sardo, Pucino, Zukanovic, Fraga; Kupisz, Bentivoglio, Mangani; Bellomo; Meggiorini, Pellissier.Allenatore: Eugenio Corini.Chievo TT (4-3-3) Squizzi; Sardo, Pucino, Zukanovic, Fraga; Kupisz, Mangani, Bentivoglio; Meggiorini, Pellissier, Sestu.Alle. Corini
DAL RITIRO
MANDORLINI IN CATTEDRA      <br/>AVANTI COL 4-3-3

MANDORLINI IN CATTEDRA
AVANTI COL 4-3-3

Dopo una dura mattinata dedicata al lavoro fisico, la squadra gialloblù ha iniziato nel pomeriggio il lavoro tattico sul campo di Racines. Mandorlini è salito in cattedra. Prima esercitazioni con il pallone, poi una vera e propria seduta tattica. Prime impressioni: il gruppo ha accolto alla grande i nuovi. Obbadi si segnala come ortimo giocatore. Chanturia sta crescendo dal punto di vista fisico e ha superato tutti i problemi al ginocchio. Ionita si è meritato un paio di "bravo" di Mandorlini. In gran spolvero Bosko Jankovic che durante la mattinata ha strabiliato nelle ripetute. Dalle prime indicazioni Mandorlini continuerà a lavorare col 4-3-3.GIANLUCA VIGHINI
IN RITIRO
HELLAS, INIZIA        <br/>IL DURO LAVORO

HELLAS, INIZIA
IL DURO LAVORO

Corsa nei boschi, ripetute, lavoro atletico sul campo e poi relax nell'acqua gelata del torrente che scorre accanto al campo di Racines. Per il Verona è iniziato il duro lavoro. Stamattina la squadra si è svegliata alle 8 e dopo la colazione (seguita dal nuovo personal trainer Tiberio Ancora, che era nello staff di Conte), la squadra si è portata nel bosco adiacente al campo. Corse e ripetute e poi un breve allenamento sul campo, sempre con al seguito circa trecento tifosi, arrivati a seguire il ritiro.
IL BOMBER DELLA B
CACIA: TRATTATO     <br/>COME UN CANE

CACIA: TRATTATO
COME UN CANE

"Sono stato trattato come un cane, non tanto sotto il profilo calcistico, perchè non ho mai avuto la pretesa di sostituirmi a Toni, quanto dal punto di vista umano. Assurdo però pensare che non avremmo potuto giocare a fianco". Sono queste le dichiarazioni di Daniele Cacia rilasciate ad Adalberto Scemma e pubblicate oggi sul Corriere dello Sport. Una dura polemica, soprattutto contro Mandorlini. "L'unico a credere in me è stato Sogliano che mi ha portato a Verona dandomi nuove occasioni" continua Cacia "Con Mandorlini, invece, porta sbarrata nonostante i 24 gol segnati in B e il titolo di capocannoniere. Con Toni squalificato ha giocato addirittura il ceco Rabusic, unica sua presenza in campionato. Capite adesso quanto mi preme la mia rivincita?". Cacia è vicinissimo al Bologna.
MERCATO IN USCITA
Bianchetti, è sfida     <br/>Bari-Empoli per averlo

Bianchetti, è sfida
Bari-Empoli per averlo

È rientrato a Verona dopo il prestito nello Spezia. Matteo Bianchetti potrebbe però salutare di nuovo i gialloblù. Su di lui si è mosso per primo il Bari. Adesso c'è da registrare l'inserimento dell'Empoli, neopromosso in serie A. La proposta dei toscani con la possibilità di giocare nel massimo campionato dovrebbe avere la meglio. (L.F.)
DAL RITIRO
PRIMO ALLENAMENTO    <br/>QUANTO ENTUSIASMO!

PRIMO ALLENAMENTO
QUANTO ENTUSIASMO!

Centinaia di tifosi dell'Hellas sono assiepati sugli spalti dell'impianto sportivo della val Ridanna per assistere al primo allenamento della squadra scaligera. Toni e compagni sono scesi sul terreno di gioco alle 18.30 accolti da un grande applauso. La squadra ha raggiunto il ritiro in mattinata, arrivando a Racines alle 12.30. Inizia la preparazione dura. Ora le ferie sono proprio finite.GIANLUCA VIGHINI
VERONA
Toh, Maxi Lopez follower     <br/>della radio dell'Hellas

Toh, Maxi Lopez follower
della radio dell'Hellas

Sui social è sempre stato un imperatore. Anzi, di lui si è parlato più per i twitter al veleno con Wanda Nara che per i gol segnati. Da un po', però, non si sentivano più i suoi cinguettii. Ma oggi Maxi Lopez, il nuovo attaccante del Chievo, è tornato a far parlare di sè. E' diventato infatti un follower di "Questo è il Verona" la trasmissione sportiva in onda su Radio Bellla e Monella, la radio ufficiale dell'Hellas Verona. Un fake? No. Dopo un'attenta verifica è proprio l'account ufficiale di Maxi Lopez a seguire l'Hellas. Forse anche lui, incantato dalla passione dei seimila tifosi che ieri hanno invaso l'impianto di via sogare per salutare il nuovo Verona.
SCALIGERA BASKET
Ufficiale: Ndoja è   <br/>della Tezenis

Ufficiale: Ndoja è
della Tezenis

La Scaligera Basket ufficializza l’arrivo di Klaudio Ndoja, ala forte di due metri l’ultima stagione capitano della Vanoli Cremona in Serie A. Giocatore di grande energia, con punti nelle mani e capace di incidere anche ai rimbalzi, Ndoja ha fatto dell’abnegazione, dell’impegno e della serietà i suoi punti fermi in una carriera che l’ha visto protagonista in Serie A anche con Orlandina e Brindisi, con cui ha conquistato due anni fa da capitano la promozione dalla Legadue, assoluto protagonista dei playoff dopo aver perso per infortunio la fase finale della stagione. Ndoja rappresenta un'ottima addizione al roster della Scaligera Basket per entrambi i campionati, sia la A2 Gold che la Serie A. Con la Vanoli Cremona le sue statistiche parlano di 5.5 punti di media a partita in 18 minuti giocati, il 43.2% nei tiri da due, il 41% da tre, il 77% ai liberi ed oltre tre rimbalzi con un massimo di 11 nel girone di ritorno contro Caserta. Il career high in Serie A è di 19 punti nella gara contro Montegranaro quando Ndoja era a Brindisi e 12 nell'ultima stagione, realizzati nel girone di ritorno contro Avellino. Buon difensore, Ndoja all’occorrenza può anche essere impiegato da ala piccola. Ventinove anni compiuti lo scorso 18 maggio, albanese nativo di Scutari ma naturalizzato italiano dopo aver lasciato l’Albania nel 1998 a causa della guerra civile, Ndoja ha vestito anche le maglie di Desio, Casalpusterlengo, Sant’Antimo, Borgomanero, Scafati, Jesi e Ferrara. Klaudio è soprannominato “Il Gladiatore” per la determinazione e la combattività che l'hanno sempre contraddistinto.
MERCATO
ORA CACCIA AI DIFENSORI    <br/>MARQUEZ E GAMBERINI

ORA CACCIA AI DIFENSORI
MARQUEZ E GAMBERINI

Due idee (molto affascinanti) per la difesa Hellas. La prima: ingaggiare il capitano del Messico Rafa Marquez e la seconda il ritorno di Gamberini, oggi al Napoli. Due possibili rinforzi per il Verona di Mandorlini. Due possibili soluzioni per alzare moltissimo il tasso tecnico della retroguardia scaligera.
MERCATO
PAULINHO: SPINELLI AVEVA      <br/>GIA' FIRMATO LA CESSIONE

PAULINHO: SPINELLI AVEVA
GIA' FIRMATO LA CESSIONE

Era davvero tutto fatto. E resta davvero inspiegabile (o meglio è spiegabile solo per motivi di denaro e non come scrive oggi il Tirreno di Livorno per i "tormenti del cuore per i cori dei tifosi del Verona contro Morosini"...), la giravolta di Paulinho al Verona. Un voltafaccia male assorbito dalla società scaligera. La quale si era mossa con grande correttezza. Prima aveva trovato l'accordo con il giocatore e poi aveva intavolato una trattativa con il Livorno. Proprio questo aspetto era il più "ostico" della vicenda. Spinelli è un osso duro e sul mercato non molla niente, figurarsi il suo "gioiello". Il Verona ha ritenuto di avere in mano l'attaccante, quando Spinelli ha firmato il contratto: cinque milioni di euro più bonus. Ma a questo punto è stato Paulinho a cambiare idea. Salito sul volo per il Brasile, forse "stimolato" da qualche procuratore, ha deciso di accettare l'offerta della squadra del Quatar. Forse ha tentato anche un maldestro rilancio, ma a questo punto il Verona ha deciso di non alzare ulteriormente l'offerta. Così è "evaporato" quello che era un colpo preparato con cura da Sogliano. Il quale, comunque, non si è scomposto. "Meglio così" ha detto "a Verona deve venire solo gente onorata di vestire questa maglia". Morto un papa, come si dice, se ne fa un altro. E il Verona è pronto a sferrare l'attacco per un altro attaccante. (g.vig.)
SUCCESSO DEL MARKETING
BOOM MAGLIETTE HELLAS    <br/>650 IN SEI GIORNI!

BOOM MAGLIETTE HELLAS
650 IN SEI GIORNI!

Belle? Brutte? Il dibattito su internet ha lasciato (come sempre) il tempo che trova. Alla fine sono le cifre e i dati a valere. E i dati dicono che le nuove maglie del Verona sono apprezzatissime. Tanto da diventare un successo di marketing. In sei giorni l'Hellas store ne ha già venute 650, oltre cento al giorno, stupendo persino i responsabili di Nike. Girano cifre ufficiose che l'azienda del "baffo" non conferma (ovviamente). Il primo giorno di vendita a Verona sono state vendute 95 magliette, a Milano, dove contemporaneamente si vendevano quelle nuove dell'Inter, ne sono state vendute 90. A Bergamo, il primo giorno di vendita ha fatto registare 30 magliette.La più apprezzata dai tifosi adulti del Verona è quella bianca che è andata letteralmente a ruba. E sono moltissimi quelli che dopo averla acquistata completamente pulita, torneranno allo store per farsi stampare il logo della Franklin and Marshall. Invece per quanto riguarda le taglie per i bambini, la maglietta più venduta è quella gialla e blu. Altri particolari. Nike fa scegliere il bozzetto del disegno delle maglie alla società su sei tipologie. Dopo di che ritira quella maglia dal catalogo. Ecco perchè si parla di maglia personalizzata. Naturalmente si parla solo del disegno e non di tutte le altre personalizzazioni (lo scudetto, la data di fondazione sul colletto, i mastini in filigrana) che rendono le nuove maglie uniche. Le maglie dell'Hellas Verona. (g.vig.)
PARLA IL PRESIDENTE
SETTI: TRANQUILLI    <br/>SAREMO COMPETITIVI

SETTI: TRANQUILLI
SAREMO COMPETITIVI

"Anche se è sfumato l'acquisto di Paulinho, mi sento di rassicurare i tifosi. Ci sono in giro altri buoni attaccanti, ci muoveremo nella maniera più opportuna". Il presidente del Verona Maurizio Setti trasmette serenità. Da quando ha preso in mano il club scaligero, non ha sbagliato un colpo, guadagnando credibilità tra il popolo gialloblù che lo aveva accolto con un po' di diffidenza. Setti con i fatti ha convinto tutti, anche i più scettici. "Non dobbiamo mai fermarci a guardare indietro - continua il presidente - ma essere proiettati su quello che verrà. Ci aspetta una stagione difficilissima, stiamo lavorando per mettere il nostro allenatore nelle migliori condizioni per centrare l'obiettivo più importante, la salvezza. E' giusto restare con i piedi per terra. Confido in Sogliano e non ho dubbi: saremo competitivi". (L.F.)
PRESENTAZIONE
L'ABBRACCIO DEI TIFOSI      <br/>AL NUOVO VERONA

L'ABBRACCIO DEI TIFOSI
AL NUOVO VERONA

Il "solito" straordinario bagno di folla. I cori, la goliardia, la passione. Gli spalti dell'impianto di via sogare stracolmi e pieno tutt'intorno. La stagione 2014/15 del Verona è partita così. Con l'entusiasmo dei suoi tifosi (quanti? cinque, seimila almeno...) e un abbraccio fortissimo alla squadra che non ha sorpreso i vecchi e caricato i nuovi. Senza parole Christodoulopoulos, il greco arrivato dal Bologna: "Mi avevano detto di questo entusiasmo ma dal vivo è un'altra cosa" ha detto durante la presentazione. Caricatissimo Jankovic: "Contento di essere rimasto, voglio giocare una grande stagione", sorpreso Gomez, il primo ad essere chiamato sul palco della squadra perchè l'autore del gol più bello della scorsa stagione, quello alla Juve e a Buffon. Obbadi, Tachtsidis e Toni i più applauditi, oltre a Mandorlini, una garanzia, anche di simpatia: "Luca? E' quello con cui mi trovo meglio perchè siamo della stessa età", ha detto il tecnico riferendosi a Toni."Cosa voglio dopo la salvezza? La Champions League" ha detto sorridendo il presidente Setti. Una battuta che non ha scomposto più di tanto Mandorlini: "Con il presidente non si può mai essere tranquilli, non si ma mai a che livello alza l'asticella. Finora l'abbiamo accontentato, speriamo di riuscirci ancora" ha detto l'allenatore. Ma battute a parte, l'obiettivo dell'Hellas resta ancora la salvezza. In un campionato che si annuncia molto più combattuto di quello scorso. E ripetersi è sempre più difficile che sorprendere. Sorpreso, invece, è rimasto il Verona dal dietrofront di Paulinho. "Era tutto fatto, c'era anche la firma di Spinelli" ha confermato il d.s. Sogliano. "Poi il giocatore ha deciso diversamente". Paulinho ha scelto i petroldollari del Qatar, il Verona cambierà strategia. Forse non più una seconda punta ma un'attaccante esterno: "Sì è una possibilità" ha detto Sogliano. "Vedremo. Ma non prenderemo un giocatore tanto per prendere, non è la mia e la nostra filosofia. Riprenderemo dei discorsi, valuteremo bene". In realtà il d.s. freme per dare a Mandorlini la squadra fatta al completo. Qualcosa arriverà anche a fine mercato, l'anno scorso la ciliegina sulla torta fu Iturbe. Ma il Verona che parte per il ritiro di Racines (stamattina ore 8.30) è già una squadra e un gruppo vero. (s.r.)

Sondaggio

perché sartori all'atalanta..?

Tutti i sondaggi

Sondaggio

quale ti ha colpito di più tra gli acquisti del verona..?

Tutti i sondaggi

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Amici animali

    documentario
  • TgVeneto

  • TgGialloblu Live

  • L'Opinione

  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • Storia d'amore

    drammatico (Italia 1986) di Francesco Maselli con Valeria Golino e Livio Panteri
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte

Alè Verona
ON AIR
19.05.2014
Vighini Show
ON AIR
19.05.2014
La Gran Torcolada
ON AIR
29.03.2014

PERLINI TELENUOVO

Telenuovo

auditeL MAGGIO 2014 telenuovo

App TgGialloblu

I video più visti della Settimana

I video più votati della Settimana

Promo palinsesto

i nuovissimi di TgVerona.it

Ladri da bar
24.07.2014

Ladri da bar

Gran finale
23.07.2014

Gran finale

Penalizzati
23.07.2014

Penalizzati

Studionews Rete Nord Pubblicità