PERBELLINI TNV

PRIMAVERA
Primavera, a Udine   <br/>si gioca il 18 ottobre

Primavera, a Udine
si gioca il 18 ottobre

Variazione di programma per la 6/a giornata del campionato Primavera. Il match tra l'Udinese e il Verona si giocherà sabato 18 ottobre con fischio d'inizio alle 11. Dopo il pareggio 1-1 con il Sassuolo la squadra di Pavanel ha raggiunto quota 5 in classifica, due punti in più per l'Udinese terza a quota 7 dietro le milanesi (Inter 12, Milan 9).
TIFOSI
ABBONAMENTI, VERONA  <br/>CHIUDE A 14.107

ABBONAMENTI, VERONA
CHIUDE A 14.107

Sono 14.107 gli abbonati dell'Hellas Verona per la stagione 2014/2015. Il dato è stato comunicato dalla società gialloblù ed è il secondo miglior risultato degli ultimi vent'anni, il quinto migliore della storia del Verona. Il numero più alto di abbonati mai raggiunto è stato nell'anno dello scudetto (84/85 - 17.553), poi i 16.185 della stagione successiva (85/86) i 16.129 del campionato scorso (2013/14) e il 14.186 del campionato di serie A 87/88.
STASERA AL TGB LIVE ALLE 19.25
C'E' ZEMAN? E' ARRIVATA     <br/>L'ORA DI LUCA TONI

C'E' ZEMAN? E' ARRIVATA
L'ORA DI LUCA TONI

C'è Zeman e il suo Cagliari iperoffensivo? Beh, il Verona ribatte con Luca Toni. Dopo la rete in Champions a 38 anni di Totti, un altro "vecchietto" del calcio italiano è pronto a mettere la sua zampata. Luca Toni, dopo le 20 reti della scorsa stagione è pronto a ripartire con l'Hellas, la squadra dove sta vivendo una seconda giovinezza. In panchina contro la Roma, Luca scalpita per rientrare dal primo minuto. Anche perchè Toni ha un rapporto col gol molto particolare, come tutti i bomber. Fino ad ora per lui una sola rete (su calcio di rigore), qualche errore di troppo sotto porta (succede anche ai migliori...) e assist vincenti come quello che ha portato al pareggio di Ionita contro il Genoa.Se ne parla stasera al Tgb live delle 19.25 anche con Marco Gaburro, opionionista del Vighini Show, allenatore e scrittore di saggi sul calcio.Come sempre potete intervenire in diretta e dialogare con Luca Fioravanti e Gianluca Vighini.Per intervenire via sms e whatsapp 334 1507050, in diretta a voce 045 8054328Questi i titoli in anteprima.E' l'ora di Luca Toni: dopo il gol di Totti in Champions League l'altro vecchietto del calcio italiano vuole riprendere a segnare. E il Cagliari di Zeman può essere la squadra idealeMoras, Tachtsidis, Lazaros: l'Hellas spopola in Grecia e il più popolare sito sportivo riprende la copertina dell'Hellas Verona Magazine e titola addirittura: “Forza Verona”Studi nuovi all'Hellas Kitchen, volti noti del giornalismo sportivo nazionale, e ospite esclusivo Andrea Mandorlini: riparte domani sera alle 21 il Vighini Show, il rotocalco sportivo di Telenuovo
ESTERO
MORAS, TACHI E LAZAROS     <br/>LA GRECIA TIFA HELLAS

MORAS, TACHI E LAZAROS
LA GRECIA TIFA HELLAS

Ci sono Vangelis Moras, Panagiotis Tachtsidis e Lazaros Christodoulopoulos. C'è soprattutto l'attenzione, calcistica, di una nazione intera verso una squadra estera: il Verona. Ecco come oggi il portale sports.in.gr, il più famoso sito sportivo greco apre l'home page: con la foto dei tre gialloblù che sarà anche la copertina del prossimo magazine dell'Hellas Verona e sotto un bel forza Verona. Un'attenzione verso la squadra gialloblù che è anche quella del neotecnico della nazionale ellenica Claudio Ranieri, presente domenica scorsa all'Olimpico proprio per visionare i "suoi" ragazzi in vista dei prossimi impegni nelle qualificazioni europee.
ESTERO
MORAS, TACHI E LAZAROS     <br/>LA GRECIA TIFA HELLAS

MORAS, TACHI E LAZAROS
LA GRECIA TIFA HELLAS

Ci sono Vangelis Moras, Panagiotis Tachtsidis e Lazaros Christodoulopoulos. C'è soprattutto l'attenzione, calcistica, di una nazione intera verso una squadra estera: il Verona. Ecco come oggi il portale sports.in.gr, il più famoso sito sportivo greco apre l'home page: con la foto dei tre gialloblù che sarà anche la copertina del prossimo magazine dell'Hellas Verona e sotto un bel forza Verona. Un'attenzione verso la squadra gialloblù che è anche quella del neotecnico della nazionale ellenica Claudio Ranieri, presente domenica scorsa all'Olimpico proprio per visionare i "suoi" ragazzi in vista dei prossimi impegni nelle qualificazioni europee.
IN DIRETTA ALLE 19.25
ZEMAN VS MANDORLINI    <br/>STASERA AL TGB LIVE

ZEMAN VS MANDORLINI
STASERA AL TGB LIVE

Non è solo Verona-Cagliari. Sabato alle 18 si affrontano al Bentegodi due squadre agli antipodi per il carattere e il pensiero calcistico dei loro due allenatori. Da una parte l'iper offensivista Zdenek Zeman, l'uomo incapace di cambiare il suo calcio, ma capace di passare da una settimana all'altra dall'utopia a splendida realtà. Dall'altra Andrea Mandorlini, il tecnico che ha risollevato il Verona dalle paludi della Lega Pro, l'uomo che predica equilibrio tattico, ex grande difensore, ma anche allenatore che ha sempre fatto segnare tantissimo i suoi attaccanti e che nella scorsa stagione era criticato per i troppi gol che il Verona prese. Dove sta la verità? Mandorlini e Zeman sono veramente agli antipodi o Mandorlini è solo più concreto e meno utopico del boemo? Intanto nelle ultime sfide Zeman è sempre stato una sorta di bestia nera per Mandorlini.Ne parleremo stasera al Tgb live delle 19.25 in compagnia di una grande firma del giornalismo sportivo italiano, il direttore sportivo del Guerin Sportivo Matteo Marani.Come sempre potete intervenire in diretta e dialogare con Luca Fioravanti e Gianluca Vighini.Per intervenire via sms e whatsapp 334 1507050, in diretta a voce 045 8054328Questi i titoli in anteprima.Zeman-Mandorlini, che sfida affascinante! Il tecnico più offensivista del mondo contro il paladino dell'equilibrio tatticoToh, anche Nenè ha dimostrato di poter essere utile al Verona. “So stare al mio posto, ma quando gioco do l'anima”
EL CAPITAN RECUPERA
BUONA NOTIZIA     <br/>MARQUEZ TORNA IN GRUPPO

BUONA NOTIZIA
MARQUEZ TORNA IN GRUPPO

Buona notizia per Mandorlini. Rafa Marquez che aveva accusato un indolenzimento muscolare, è tornato ad allenarsi in gruppo stamattina. Marquez, quindi sarà in campo sabato contro il Cagliari.
IERI SERA LEZIONE AGLI ALLENATORI VERONESI
MANDORLINI: IO E ZEMAN    <br/>E SU SAVIOLA...

MANDORLINI: IO E ZEMAN
E SU SAVIOLA...

4-3-3 e non solo. Equilibrio tattico, rigore, concretezza. Andrea Mandorlini ieri sera ha spiegato i concetti del suo calcio nella sala Lucchi assieme al suo staff tecnico (Roberto Bordin, Enrico Nicolini, Simone Baggio).Un'occasione per presentare anche la app di gestione calcistica ideata da Bordin assieme a Metisweb: MR2.Mandorlini ha parlato anche della sfida contro Zeman: "Attacca tanto, il suo equilibrio è quello. Ha vinto contro l'Inter, ma sabato al Bentegodi sarà un'altra partita".E un riferimento a Saviola: "Non è una punta esterna. E' pieno di conoscenze calcistiche e sta lavorando molto. Dobbiamo metterlo nelle condizioni di esprimersi al meglio".
GIOVEDI' 2 OTTOBRE ALLE 21 LA PRIMA PUNTATA
MANDORLINI E JACOBELLI      <br/>OSPITI AL VIGHINI SHOW

MANDORLINI E JACOBELLI
OSPITI AL VIGHINI SHOW

Grandi ospiti in uno studio completamente nuovo all'Hellas Kitchen di via Lussemburgo 21: tutto è pronto per la prima puntata della nuova stagione del Vighini Show, il rotocalco sportivo di Telenuovo che in questa edizione andrà in onda il giovedì.In studio ci saranno infatti Andrea Mandorlini, il tecnico del Verona, Xavier Jacobelli, firma di spessore nazionale, Marina Presello, volto di Sky, spesso al seguito dell'Hellas Verona, Domenico Penzo, ex bomber del Verona, apprezzatissimo opinionista del Vighini show, e il caporedattore del Corriere del Veneto Antonio Spadaccino. Nello studio centrale di Verona Giovanni Vitacchio dialogherà con i telespettatori tramite sms e whatsapp.
SERIE A
VERONA INFERMERIA PIENA     <br/>ECCO LA SITUAZIONE

VERONA INFERMERIA PIENA
ECCO LA SITUAZIONE

Infermeria piena in casa Hellas. Ecco il bollettino medico diramato dalla società.MOUNIR OBBADII tempi di recupero sono previsti in 15 giorni per la completa guarigione dall'elongazione del bicipite femorale sinistro. Il centrocampista ha già iniziato le cure fisioterapiche.RAFAEL MARQUEZI tempi di recupero saranno valutati nelle prossime ore a causa del lieve risentimento muscolare alla coscia destra.LAZAROS CHRISTODOULOPOULOSIl centrocampista inizierà da lunedì 29 settembre un lavoro differenziato a causa del risentimento all'adduttore sinistro. IVAN MARTICDa martedì 30 settembre il difensore inizierà un lavoro fisioterapico.JACOPO SALAContinua il lavoro fisioterapico, in palestra e in piscina, per il centrocampista.RAFAEL DE ANDRADEGli accertamenti diagnostici, svolti nella giornata di lunedì 29 settembre, hanno dato esito negativo. Il suo infortunio sarà valutato nelle prossime ore per stabilire i tempi di recupero.FRANCESCO BENUSSII tempi di recupero sono previsti in 15 giorni per la completa guarigione dalla lesione della fascia del muscolo semitendinoso sinistro.
STASERA AL TGB LIVE DELLE 19.25
CATENACCIARI? ECCO COME     <br/>LO SPIEGAVA NEREO ROCCO

CATENACCIARI? ECCO COME
LO SPIEGAVA NEREO ROCCO

Davvero il catenaccio è un modo di giocare superato? Davvero il giornalista di Roma che ha fatto la domanda a Mandorlini dopo il match contro la Roma, pensava di essere dispregiativo?Mandorlini si è arrabbiato, perchè in realtà, quello del Verona, in modo evoluto, è il modo di giocare che ha fatto grande il calcio italiano.Lo facevano Rocco ed Herrera, lo ha fatto Bearzot, lo difendeva strenuamente Brera.Di tutto questo parleremo stasera nel Tgb live delle 19.25, dalla polemica dell'Olimpico alle parole di Rocco, sulle cui orme adesso pare esserci proprio Mandorlini. Come sempre potete intervenire in diretta e dialogare con Luca Fioravanti e Gianluca Vighini.Per intervenire via sms e whatsapp 334 1507050, in diretta a voce 045 8054328Ed ecco i principali titoli.Dopo Roma e le accuse dei giornalisti delle capitale, Mandorlini sulle orme di Rocco, Herrera e Mourinho: "Portate rispetto al catenaccio, ha fatto vincere coppe e campionati del mondo"Verona punito da due gol incredibili: la magia di Destro come quella di Maradona con GiulianiChievo, altro pareggio deludente. Fischi a Corini, contestato Meggiorini, “colpevole” di tifare per il VeronaLa Primavera del Verona non finisce mai. Anche con il Sassuolo va sotto, poi recupera e rischia di vincere
GIRONE B
Primavera, guida l'Inter    <br/>Hellas a quota cinque

Primavera, guida l'Inter
Hellas a quota cinque

Continua la marcia inarrestabile dell'Inter nel Girone B che distrugge 7-0 in trasferta il Perugia. Subito dietro risponde il Milan che rifila un poker alla sorpresa Pescara. L'Udinese supera il Brescia 3-1, mentre il Chievo cade a Cittadella 2-1. L'altra sorpresa della giornata riguarda la sconfitta dell'Atalanta sul campo del Cesena: bene il Cagliari invece che vince a Lanciano 3-2.RISULTATI: Udinese-Brescia 3-1, Virtus Lanciano-Cagliari 2-3, Cittadella-Chievo 2-1, Milan-Pescara 4-0, Cesena-Atalanta 1-0, Perugia-Inter 0-7, Verona-Sassuolo 1-1. CLASSIFICA: Inter 12, Milan 9, Udinese 7, Pescara 7, Chievo 6, Sassuolo 5, Verona 5, Atalanta 4, Cagliari 4, Brescia 4, Cesena 4, Cittadella 4, Perugia 4, Virtus Lanciano 0.PROSSIMO TURNO: Atalanta-Milan, Cagliari-Udinese, Cesena-Hellas Verona, Chievo-Perugia, Inter-Cittadella, Pescara-Brescia, Sassuolo-Virtus Lanciano.
ALLENAMENTI
Hellas già in campo    <br/>Sabato c'è il Cagliari

Hellas già in campo
Sabato c'è il Cagliari

Un giorno di riposo e oggi tutti in campo. Dopo la sconfitta di Roma l'Hellas è già tornato in campo per preparare la gara di sabato prossimo al Bentegodi contro il Cagliari alle 18. Mandorlini conta di recuperare almeno una parte degli otto indisponibili che non sono scesi in campo all'Olimpico.
INFORTUNI
TORNA EMIL, MA QUANTI    <br/>PROBLEMI PER MANDORLINI

TORNA EMIL, MA QUANTI
PROBLEMI PER MANDORLINI

La buona notizia è che martedì torna Hallfredsson, assente nelle ultime tre partite per un grave lutto. Ma per il resto ci sono tante situazioni da verificare in casa Verona in vista della delicatissima partita di sabato prossimo con il Cagliari di Zeman al Bentegodi. "Speriamo di recuperare qualcuno" diceva Mandorlini ieri a fine gara pensando a sabato prossimo. Una settimana in cui il Verona potrà finalmente ricaricare le pile e lavorare in tranquillità senza pensare a nazionali o a turni infrasettimanali. Lo staff medico gialloblù nelle prossime ore dovrà verificare le condizioni di diversi giocatori. Rafael e Benussi ad esempio, al palo per problemi muscolari, anche se Gollini ha dimostrato anche a Roma di essere una valida alternativa. A Roma non c'erano Marquez e Agostini, che verranno valutati alla ripresa degli allenamenti, come Lazaros, che ha saltato l'Olimpico ma che col Cagliari dovrebbe esserci. Ionita ha preso un brutto colpo da Keita e se n'è andato da Roma con una caviglia fasciata, ma la sua presenza non sembra è in dubbio. Difficile invece ipotizzare oggi l'impiego di Obbadi, l'ultimo infortunato di casa Verona. Dall'Olimpico se n'è andato camminando ma col viso scuro per il problema muscolare che lo ha tolto dalla partita nel finire del primo tempo. Infortunio da valutare con gli esami del caso. Escluso anche il rientro di Sala, che ne ha ancora per un po' mentre saranno da valutare anche le condizioni di Martic, dopo il trauma cranico facciale subito mercoledì col Genoa.
DOPO VERONA-SASSUOLO
Pavanel: Pari giusto      <br/>Cresciamo di gara in gara

Pavanel: Pari giusto
Cresciamo di gara in gara

L'allenatore della Primavera Massimo Pavanel commenta con soddisfazione il pari contro il Sassuolo: "Siamo partiti meglio di loro, purtroppo alla prima occasione ci hanno punito. Credo che però questa squadra abbia la caratteristica di non arrendersi mai e lo abbiamo dimostrato ancora una volta. Adesso ci aspettano due trasferte ma il campionato è davvero equilibrato quindi nessun risultato é scontato guardate Atalanta e Chievo che hanno perso con Cesena e Cittadella". Il Verona grazie a questo pareggio é al terzo risultato utile consecutivo.
PRIMAVERA
Primavera, col Sassuolo   <br/>finisce 1-1

Primavera, col Sassuolo
finisce 1-1

Verona Primavera in campo per il quarto turno di campionato. Pavanel conferma l'undici di Cagliari ad eccezione dello squalificato Salifu. Ferrari in porta, Perini a destra e Tentardini a sinistra con Rossi e Boni centrali in difesa. In mediana Sall e Checchin, Miketic e Speri sugli esterni. Davanti Cappelluzzo e Fares rientrati da Roma. Dopo un avvio positivo dell'Hellas al primo affondo passo il Sassuolo. Al 20' cross di Maiorano per la testa di Sereni che supera Ferrari. Nella ripresa arriva il pari di Cappelluzzo che ottimamente assistito da Fares non lascia scampo a Celeste. Finisce 1-1, Verona che sale a quota cinque in classifica.HELLAS VERONA (4-4-2): Ferrari; Perini, Rossi, Boni, Tentardini; Miketic, Sall, Checchin, Speri; Cappelluzzo, Fares.A disposizione: Nervo, Moretto, Miron, Boateng, Piccinini, Ocelka, Bearzotti, Gilli, Dagnoni, Guglielmelli.All.: Pavanel. SASSUOLO (4-3-3): Celeste; Adjapong, Serra, Caselli, Bonucci; Alhassan, Mandelli, Naji; Berardi, Sereni, Maiorano.A disposizione: De Ceglie, Bufo, Laruccia, Fontanesi, Bergonzini, Rizzuto, Zappa, Cavallini, Raspadori, Souare, Martino, Refolo.All.: Mandelli.
ROMA-VERONA
FLORENZI: TACHTSIDIS?      <br/>E' NELL'AMBIENTE GIUSTO

FLORENZI: TACHTSIDIS?
E' NELL'AMBIENTE GIUSTO

“Tachtidis? Ha fatto molto bene, ha giocato una grande partita, e penso che nell'ambiente Verona che mi pare un po' il suo ambiente, quello giusto per lui, possa davvero togliersi grandi soddisfazioni ed esprimere qualità da grande giocatore”. Così il match winner della Roma, Alessandro Florenzi sull'ex compagno di squadra Panagiotis Tachtsidis, con lui la sorpresa della Roma targata Zeman di due stagioni fa, quando il tecnico boemo preferiva Taxi addirittura a De Rossi. Sulla partita: “E' stata molto difficile perchè il Verona stava tutto sotto la linea della palla, è venuto qui a fare una partita difensiva e non ci ha dato spazi. Però con la nostra tecnica e la pazienza giusta sapevamo che potevamo avere delle occasioni e con il mio gol e la magia di Mattia Destro abbiamo ottenuto i tre punti”. (s.r.)
ROMA-VERONA
TOMMASI: VERONA DARA'    <br/>FASTIDIO ALLE GRANDI

TOMMASI: VERONA DARA'
FASTIDIO ALLE GRANDI

“Il Verona? Se gioca così potrà dar fastidio a tante grandi”. Parola di Damiano Tommasi, presidente dell'associazione italiana calciatori, nato ed esploso nel Verona, una vita e tanti e successi nella Roma. “Penso che la dimensione del Verona sia quella di stasera, dar fastidio alle grandi e cercare di confermarsi con umiltà, facendo bene contro le squadre della propria fascia. Ma il Verona che ho visto all'Olimpico è una squadra che può dar fastidio a molte grandi”. Sulla partita: “Penso che il risultato sia giusto per quello che si è visto in campo. Bravo il Verona a non concedere nulla o pochissimo. Brava la Roma ad avere pazienza e a fare due grandi gol per risolvere questa partita”. Giudizio finale sul reparto di Tommasi, il centrocampo: “Ionita è una sorpresa per chi non lo conosceva, mi è piaciuto molto Tachtisdis per come ha saputo imporsi in un reparto di qualità e contro avversari di qualità”. (s.r.)
VERONA
MANDORLINI, RAMMARICO           <br/>E PACCHE SULLE SPALLE

MANDORLINI, RAMMARICO
E PACCHE SULLE SPALLE

Ci aveva fatto la bocca. E invece il calcio a volte è così. Ci arrivi vicino, tanto vicino e non porti a casa niente. Nonostante una prestazione importante, con una squadra piena di problemi, rabberciata, costretta a cambiare dopo un primo tempo perfetto (Obbadi) al cospetto di una Roma che seppur senza alcuni campioni (Iturbe, De Rossi, Strootman, Castan) è sempre squadra d'altra categoria. Andrea Mandorlini è uscito dal campo rammaricato, rincuorato dalle pacche sulle spalle del presidente Setti, incrociato sotto la Monte Mario, nel momento di scendere dagli spogliatoi. Il Verona ha reso vita difficile alla Roma e alla fine se era una sconfitta che se ci stava nei pronostici, ci sta molto meno dopo una partita in cui la squadra di Garcia sembrava non trovare contromisure ad un Verona blindato ma in più di un'occasione anche molto pericoloso. “Penso che abbiamo fatto la partita che dovevamo fare, primo tempo abbiamo concesso pochissimo, se vogliamo trovare una pecca forse non siamo stati incisivi in qualche situazione offensiva, ma non ho mai temuto di prendere gol. Nel secondo è stato diverso, i cambi ci hanno creato qualche difficoltà, hanno fatto un quarto d'ora sulla nostra sinistra dove hanno creato diverse situazioni ma il gol non l'hanno trovato se non verso la fine, ripeto, su una palla che era nostra e poi l'hanno chiusa con una prodezza bella da vedere”. “Gap ridotto con le grandi? Non lo so. Era la prima partita, abbiamo tenuto però poi la differenza di qualità delle grandi squadre viene fuori. Non a livello tattico perchè lì chiudi, fai, tieni botta, però la giocata del singolo, queste sono squadre che ce l'hanno sempre nelle corde. Oggi è toccato a loro, speriamo che la prossima tocchi a noi”.(s.r.)
ROMA-VERONA
MORAS, L'ORGOGLIO   <br/>E LA RIVINCITA DEI GRECI

MORAS, L'ORGOGLIO
E LA RIVINCITA DEI GRECI

E' uscito con la maglia di Torosidis, che per lui vale più di quella di Totti. "E' un amico, ci tenevo molto". Poi l'abbraccio con il c.t. della Grecia, Ranieri, presente all'Olimpico (c'erano in campo i nazionali Moras, Tachtidis e Manolas, più Torosidis in panchina): "Ci siamo salutati, sì era qui per i suoi nazionali. Ci vedremo presto". E quell'orgoglio, l'orgoglio di essere uno dell'Hellas in tutti i sensi che viene fuori, ancora una volta. "Eravamo tanti greci in campo è la prima volta che mi capita ed è importante, per noi e per le generazioni che verranno. Il mercato estero una volta non era facile per i giocatori greci, noi abbiamo aperto la strada e adesso spetta ai giovani confermare che possiamo giocare in Italia o in altri campionati importanti". Orgoglioso, Moras, anche della prova del Verona: "Sento belle parole, i complimenti fanno piacere ma volevo qualcosa in più, credevamo di ottenere qualcosa in più. Siamo arrivati vicini a prendere un punto importante ma abbiamo perso. Pensiamo subito a sabato perchè contro il Cagliari è una partita da non sbagliare. Le belle parole non portano punti e noi dobbiamo solo pensare ad arrivare a 40 il prima possibile". Ma anche a crescere: "Giocare con questa maglia vuol dire cercare ogni partita di fare qualcosa in più, possiamo crescere, vogliamo crescere ancora. Questo è l'obiettivo che dobbiamo avere a Verona". (s.r.)
CONFERENZA STAMPA
MANDORLINI SI ARRABBIA    <br/>A DOMANDA SU CATENACCIO

MANDORLINI SI ARRABBIA
A DOMANDA SU CATENACCIO

"Catenaccio? Ma lei sa cos'è il catenaccio? Abbiamo vinto un Campionato del mondo e Coppe Campioni con il catenaccio, abbia un po' di rispetto". Mandorlini si arrabbia e fa bene. La domanda di un giornalista romano è posta con tono dispreggiativo e l'allenatore del Verona non può fare finta di niente. "Lei non sa nemmeno di cosa parla quando dice catenaccio. Noi abbiamo fatto la partita che era giusto fare contro una squadra forte come la Roma. Dovevamo chiudere gli spazi centralmente e provare a ripartire. Nel primo tempo le occasioni migliori le abbiamo avute noi. Nella ripresa abbiamo concesso qualcosina e siamo stati puniti da due giocate molto belle, ma anche casuali, nel senso che non sono state la conclusione di azioni manovrate dei giallorossi. Comunque sono soddisfatto dalle risposte avute, ma anche rammaricato perché potevamo mettere a segno una grande impresa. Peccato".
L'ANTICIPO DI SERIE A
PECCATO VERONA    <br/>ROMA TROPPO FORTE

PECCATO VERONA
ROMA TROPPO FORTE

Troppo forte la Roma che vanifica una strenue resistenza del Verona all'Olimpico. Nel giorno dei 38 anni di Totti, con una squadra rimaneggiata e senza molti titolari, il Verona resiste per tre quarti del match, giocando un primo tempo esemplare.Solo un tiro dalla distanza di Florenzi ha fatto capitolare l'Hellas. Poi è stata una prodezza di destro con un tiro fantastico da centrocampo a regalare alla Roma il 2-0.Un peccato, perchè il Verona, pur consegnando il pallino del gioco in mano ai giallorossi, ha sempre cercato di ripartire e di colpire. Gomez e Nenè sono andati vicini al gol nel primo tempo, mentre nel secondo è stato Moras ad avere la palla giusta per andare sull'1-0 su punizione di Tachtsidis. Garcia ha sparigliato le carte inserendo Gervinho e Florenzi. E proprio da una rasoiata di Florenzi è arrivato il gol dell'1-0.ROMA-HELLAS VERONA 2-0Marcatori: 30' st Florenzi, 41' st Destro. ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Yanga-Mbiwa, Manolas, Cole; Pjanic, Keita, Nainggolan (dal 38' st Paredes); Ljajic (dal 12' st Gervinho), Totti (dal 21' st Florenzi), Destro.A disposizione: Lobont, Skorupski, Holebas, Torosidis, Somma, Verde, Emanuelson, Calabresi, Sanabria.All.: Garcia. HELLAS VERONA (4-3-3): Gollini; Sorensen, Moras, Marques, Brivio; Ionita, Obbadi (dal 42' pt Campanharo), Tachtsidis; Gomez, Nenè (dal 25' st Toni), Jankovic (dal 38' st Valoti).A disposizione: Ferrari, Salvetti, Rodriguez, Saviola, Luna, Lopez, Gonzalez, Fares, Cappelluzzo.All.: Mandorlini. Arbitro: Russo di Nola.Assistenti: Di Fiore e Meli. NOTE. Ammoniti: Nenè, Manolas. Spettatori: 40.432 (paganti: 13.775; abbonati: 26.677).
ARGOMENTO
VERONA, E' TURN OVER      <br/>FUORI TONI, DENTRO NENE'

VERONA, E' TURN OVER
FUORI TONI, DENTRO NENE'

Mandorlini attua un vero e proprio turn over a Roma, complici stanchezza e infortuni. In attacco c'è il debutto dal primo minuto di Nenè al fianco di Gomez e Jankovic. Nella Roma, Totti dal primo minuto.ROMA: 26 De Sanctis, 2 Yanga Mbiwa, 3 Cole, 4 Nainggolan, 8 Ljajic, 10 Totti, 13 Maicon, 15 Pjanic, 20 Keita, 22 Destro, 44 Manolas.A disposizione: 1 Lobont, 28 Skorupski, 24 Florenzi, 25 Holebas, 27 Gervinho, 32 Paredes, 35 Torosidis, 50 Somma, 53 Verde, 83 Emanuelson, 91 Calabresi, 96 Sanabria.All.: Rudi Garcia.HELLAS VERONA: 95 Gollini, 5 Sorensen, 8 Obbadi, 11 Jankovic, 18 Moras, 21 Gomez Taleb, 23 Ionita, 25 Marques, 28 Brivio, 77 Tachtsidis, 99 Nenè.A disposizione: 32 Ferrari, 69 Salvetti, 2 Rodriguez, 7 Saviola, 9 Toni, 16 Luna, 17 Lopez, 27 Valoti, 30 Campanharo, 40 Gonzalez, 93 Fares, 96 Cappelluzzo.All.: Andrea Mandorlini.Arbitro: Russo di Nola.Assistenti: Di Fiore e Meli.
GIRONE B
Primavera, a Vigasio    <br/>arriva il Sassuolo

Primavera, a Vigasio
arriva il Sassuolo

Il Verona Primavera torna in campo domenica mattina alle 11 a Vigasio contro il Sassuolo. Dopo l'eccellente successo della scorsa settimana in casa del Cagliari la squadra gialloblù vuole assolutamente continuare l'andamento positivo: i neroverdi che adottano un 4-3-3 hanno fermato alla prima la titolatissima Atalanta e sono una formazione difficile da affrontare. Pavanel potrà contare anche su Cappelluzzo, Fares e Ferrari nonostante la convocazione per la trasferta di Roma con la prima squadra. Di seguito il programma:GIRONE B - PROGRAMMA4a GIORNATA (sabato 27 settembre, ore 15)Cesena-Atalanta, Cittadella-Chievo, Perugia-Inter (28/09, ore 11), Udinese-Brescia, Virtus Lanciano-Cagliari (ore 11), Milan-Pescara (ore 11), Hellas Verona-Sassuolo (28/09, ore 11).GIRONE B - CLASSIFICAInter 9; Pescara 7; Milan* e Chievo 6; Atalanta, Sassuolo, Udinese, Hellas Verona, Brescia e Perugia 4; Cagliari*, Cesena e Cittadella 1; Virtus Lanciano 0.
VERSO ROMA
Hellas, 23 convocati   <br/>Tanti gli infortuni

Hellas, 23 convocati
Tanti gli infortuni

Sono 23 i convocati da Andrea Mandorlini per la trasferta dell'Olimpico contro la Roma in programma sabato sera alle 18. Viste le indisponibilità di Benussi e Rafael sono stati convocati oltre a Gollini che sarà titolare, Ferrari e Salvetti. Out Rafa Marquez, Martic, Agostini, Hallfredsson, Sala e Lazaros. PORTIERI: 32 Ferrari, 69 Salvetti, 95 Gollini.DIFENSORI: 2 Rodriguez, 5 Sorensen, 16 Luna, 18 Moras, 25 Marques, 28 Brivio, 40 Gonzalez.CENTROCAMPISTI: 8 Obbadi, 23 Ionita, 27 Valoti, 30 Campanharo, 77 Tachtsidis.ATTACCANTI: 7 Saviola, 9 Toni, 11 Jankovic, 17 Lopez, 21 Gomez Taleb, 93 Fares, 96 Cappelluzzo, 99 Nenè.

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

    Studionews
  • Rosso & Nero

  • TgVeneto

  • Studionews

    rubrica
  • Tg Gialloblu Live

    informazione sportiva
  • L'Opinione

  • TgVerona

    all'interno il TgGialloblu
  • Vighini Show

    diretta calcio con l'Hellas Verona
  • Film di seconda serata

  • Informazione

    TgVerona, TgGialloblu
  • Film della notte

auditeL agosto 2014 telenuovo

TELENUOVO TGGIALLOBLU

I video più visti della Settimana

I video più votati della Settimana

Studionews Rete Nord Pubblicità