DOPO LA SCONFITTA COL GENOA

Crisi Chievo, Sorrentino
"Dobbiamo essere uomini"

12/02/2018 08:58

"Dobbiamo voltare pagina, bisogna guardare avanti. Dobbiamo essere uomini e continuare a lavorare: bisogna provare a vincere contro tutti. Il Chievo ha 25 titolari, non ci sono differenze. Siamo tutti uguali: non mi piace sentire che ci sono solo 11 titolarissimi. Siamo tutti sulla stessa barca: dal mister fino al più giovane. Dobbiamo cercare di portare questa barca in porto". Stefano Sorrentino interviene così in mixed-zone dopo la sconfitta col Genoa.

La crisi del Chievo continua. Per il portiere gialloblù sarà fondamentale la sfida col Cagliari: "Crisi? Siamo adulti e vaccinati, bisogna continuare a lavorare. Dobbiamo pensare alla sfida di sabato col Cagliari. Con il Genoa un punto sarebbe stato importante per muovere la classifica: adesso analizzeremo gli errori col mister e prepareremo la partita di sabato che sarà fondamentale. E' un periodo brutto, dobbiamo rialzarci".


 
  • Gla

    il 12/02/2018 alle 13:59 “Purtroppo”
    si paga un centrocampo fortemente sotto tono, che essendo collante tra difesa e attacco non permette agli altri reparti di funzionare a dovere....Hete credo la peggior stagione, Birsa idem...dopo le solite prime 5-6 partite brillanti si è spento, Castro infortunato e Radovanovic a corrente alternata hanno fatto il resto... D'altra parte Garritano flop...Rigoni anonimo e Gaudino boh!!L'unico che forse si è salvato dimostrando crescita è Bastien:in fine, possiamo comunque aggiungere che la buona sorte non ci è stata certamente benevola, ma da non usare come scusante ...!!
     
  • Gianluigi Coppo

    il 12/02/2018 alle 11:24 “Mah”
    Mah: mi sembra di sentire tanti proclami ma fatti concreti non se ne vedono. In settanta minuti il Chievo che aveva la partita in mano non è riuscito a segnare un gol. Negli ultimi venti minuti loro hanno cambiato passo, hanno azzeccato i cambi, mentre Maran ne ha sbagliato almeno due ed hanno confezionato azioni veloci e alla fine hanno segnato portando via tre punti forse non del tutto meritati per il gioco ma indubbiamente concretizzati sul campo. Non la vedo bene: nel 2009 dopo l'esonero di Jachini sia pure con difficoltà Di Carlo seppe progressivamente ridare fiato alla squadra ma qui vedo invece una squadra involuta, timorosa, spesso impacciata, incapace di realizzare un cambio di passo quando serve. Certo ci sono stati gli infortuni ma li hanno avuti anche le altre squadre. A gennaio è arrivato il solo Giaccherini ma è probabilmente poco, anche perché è fuori forma e non ha il passo della partita. Continuiamo a sperare perché probabilmente con la rosa che ha al Chievo basterebbe vincere con il Cagliari e fare qualche pareggio esterno per riprendere quota. Ma queste sono solo parole, sul campo poi...
     
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA