VERSO CHIEVO-BENEVENTO

Castro: Se ci salviamo
faccio una canzone...

16/05/2018 17:13

L’entusiasmo dopo l’importantissima vittoria contro il Bologna, non manca in quel di Veronello dove, nel frattempo, ci si prepara per l’ennesima ed ultima battaglia di questa stagione. Testa, ma soprattutto cuore. Questo è quello che serve agli uomini di D’Anna per strappare quel piccolo, ma allo stesso tempo vitale punto contro il Benevento già retrocesso.

I gialloblù in questa stagione, hanno dovuto fare i conti con la sfortuna e con qualche infortunio di troppo, specie quello di Lucas Castro. Il “Pata”, ora più che mai, con la determinazione e la costanza delle sue prestazioni, vuole riprendersi in mano il suo Chievo e condurlo definitivamente alla salvezza: “E’ una settimana particolare dove il nostro unico obbiettivo è proiettato a domenica. Sapevamo che i punti contro il Bologna erano fondamentali, ma allo stesso tempo per salvarci definitivamente dobbiamo aspettare la prossima partita. Quest’anno ho avuto un infortunio pesante. Dopo dicembre la nostra stagione è cambiata del tutto, ma siamo ancora qua a giocarcela e tutto dipende da noi”.

L’argentino è sempre stato un punto fermo di questa squadra; l’artefice della fantasia e dell’equilibrio in mezzo al campo. Mister D’Anna ha sempre sottolineato le sue qualità tecniche da vero leader, concetto ribadito anche la settimana scorsa in conferenza: “Io qualità pura come dice il mister? E’ bello sapere quanta considerazione ha di me. Io cerco sempre di metterci tutto l’impegno possibile”.

Domenica rientrerà dalla squalifica Radovanovic. Ciò vuol dire che cambieranno ulteriori moduli tattici e qualcuno, in mezzo al campo, dovrà farsi da parte: “Chi gioca o no, non è importante. Siamo tutti a disposizione del bene della squadra, perché per noi conta questo. Oltre ad un gruppo forte, ci sono uomini forti dietro il Chievo”. Castro è un giocatore duttile, lo sappiamo. Proprio per questo, oltre a ricoprire tutti i ruoli dalla trequarti in su senza fatica, è la carta vincente che fa cambiare la natura del Chievo dal punto di vista tecnico. Un Castro alla Pirlo o alla Pjianic? “Non lo so ancora. Mi piace essere più propositivo e amo divertirmi in quella posizione, ma c’è ancora tanto lavoro da fare per fare del tutto la differenza”.

Il “Pata”, si è poi soffermato anche su Rolando Maran. Il tecnico trentino, è stato parte fondamentale della crescita professionale del giocatore già ai tempi del Catania: “Ringrazierò sempre Maran per tutta la fiducia che mi ha dato. Il nostro rapporto era bello ed è cresciuto tantissimo dalla Sicilia fino a Verona. D’Anna, in compenso, ci ha dato la giusta spinta che ci serviva per rimetterci in pista”.

Il “Pata” è superstizioso?: “No, non lo sono. Non ho mai pensato a fare un fioretto in particolare, ma se riusciamo a salvarci, farò una canzone per il Chievo”.

ELEONORA TACCONI


 
  • Cinghiale Bianco

    il 16/05/2018 alle 20:46 “Tanta Roba”
    la Tacconi..
     
  • Stefano

    il 16/05/2018 alle 20:19 “Eleonora Tacconi”
    "Oltre che bela te si anca brava" le El massimo!!
     
  • Ciccio2

    il 16/05/2018 alle 17:27 “Sai Che Impresa...”
    battere il benevento.. risparmiaci questo obrobrio....
     
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA