LA PROTESTA

La Scala non si tocca
Ecco il volantino

01/03/2011 13:13

Un messaggio al presidente del Chievo Luca Campedelli. Un lungo volantino firmato unitariamente da tutti i tifosi del Verona con l'obiettivo di sollevare la questione dei simboli e dei colori. La Scala non si tocca, titola il documento che domenica scorsa è stato distribuito allo stadio (c'erano anche tre striscioni attaccati esternamente) e di cui pubblichiamo integralmente il contenuto. Ecco il testo.

LA SCALA NON SI TOCCA!!!

Nessuno avrebbe mai potuto immaginare a quale ignobile pretesa qualcuno sarebbe arrivato...

Nessuno avrebbe mai pensato che qualcuno si imbattesse in un così tanto sciocco piano.

Nessuno avrebbe potuto predirre una tanta vergognosa realtà. Fino ad oggi.

Il signor Luca Campedelli, attraverso il suo gioiellino calcistico, ha voluto fin dall'inizio della sua presidenza, accapparrarsi una piccola fetta, un avanzo uno scampolo di storia di Verona e del Verona per colorare e dare un'impossibile senso storico al suo piccolo chievo, con il magro tentativo di incontrare un favore commerciale sfruttando le radici calcistiche di un'altra società. Niente di più insensato fin dall'inizio, niente di più azzardato oggi.

Chiunque ami Verona e il Verona si chiede e ti chiede con che faccia tosta ti sei permesso di voler percorrere una falsa strada parallela, di imitare malamente i colori e i simboli di una realtà così diversa e lontana. Ci chiediamo e ti chiediamo perchè ti è mancato il coraggio di poter essere vera alternativa, seppur calcisticamente parlando, con i tuoi colori, i tuoi simboli, con il tuo presente da trasformare in storia, invece di calarti in tanta sfacciata quanto inutile brutta copia dell'originale.

Mai il tuo chievo potrà trasmettere quell'amore viscerale nato da poche ma grandiose soddisfazioni, compiuto da innumerevoli sofferenze e più vivo che mai anche difronte alla miseria della serie c.

Mai potrai assaporare l'appartenenza di una moltitudine a qualcosa di grande, indipendente da vittorie o sconfitte, spesso contro tutto e tutti.

Rassegnati ad avere un'ottima squadra con poco seguito numerico, con una modesta storia, con un amore improvvisato e di plastica che, alle prime avvisaglie, siamo sicuri, ti volterà le spalle.

I colori gialloblù prima, Cangrande poi, fino ad arrivare a ciò che non ti puoi permettere, a ciò che non puoi neanche sfiorare...

La Scala è Verona, è Verona e soltanto il Verona, da sempre e per sempre. La Scala rappresenta il popolo gialloblù al seguito dell'Hellas, unito attraverso il calcio e vivo in quel legame di forza con la propria città, storia e consapevolezza che vale sul campo come sulla strada, a Verona come in ogni parte del mondo.

Lascia stare ciò che mai potrà appartenere né a te né a chi ha scelto il tuo chievo per vedersi in comodità i campioni del gioco del calcio, e non di certo per sostenere una città prima che una squadra, un essere prima di un giocare.

Non azzardarti! Non azzardarti a fare soltanto un altro passo in avanti! Noi siamo un popolo mai domo e, proprio perchè sofferente, pronto alla rivalsa ad ogni piè sospinto.

Molla la Scala, mollala prima che cominci a scottarti tra le mani. La Scala non è affar tuo, non ti appartiene. Rimettila al suo posto, prima che sia troppo tardi, prima che qualcuno lo scopra e voglia venire a riprendersela...

la Scala appartiene al Verona, appartiene a Noi.

La Scala non si tocca!

La Tifoseria Scaligera

Hellas Verona 1903 nostra unica fede!


 
  • .

    il 05/03/2011 alle 09:58 “Loma ”
    Ha girato le spalle a fn e ora è leghista...
     
  • Chievo1964

    il 04/03/2011 alle 20:47 “Ma Loma Fa Qualche Lavoro ?”
    Loma oltre a fare il militante di forza nuova e ad inviarvi articoli dei giornali inglesi lavora o non fa niente?Ma che vada a lavorare.
     
  • Vice

    il 04/03/2011 alle 14:49 “Pataccata”
    http://it.fotoalbum.eu/fiaschi/a260414/00000001 a voi ogni coomento. Io dico solo che mi sa tanto di pataccata. Basti vedere i primi due da destra in piedi, lo stemma presunto ce l'hanno sulla spalla praticamente. E non parliamo del portiere
     
  • Maxx

    il 03/03/2011 alle 20:35 “Ma Tàsi...”
    Uno che si nikka verità è un arrogante, e questo è un dato di fatto. Hai detto parecchie scemenze, ma una la condensa tutte: quando ti definisci un tifoso! Un vero tifoso ha i suoi simboli ed i suoi colori, che si distinguono da quelli degli altri.
     
  • Verità

    il 03/03/2011 alle 15:59 “Diciamo Le Cose Come Stanno!”
    Il volantino riporta una marea di frasi scritte solo per istigare alla violenza e senza alcuna fondatezza logica. Sono molti i punti in cui si dice solo ciò che è comodo e si tralascia tutto il resto. Le accuse riportate possono essere smontate tranquillamente una per una e con una coerenza che anche il più stupido tifoso dell'Hellas può compredere. 1) Si sostiene che il volantino sia stato firmato unitariamente da tutti i tifosi del Verona, verrebbe da dire...uurca!! Ma poi si scopre che sono molti, tra cui posso portare l'esempio di alcuni miei amici tifosi dell'Hellas, che non si fanno problemi se un'altra squadra cittadina "imita", questo è ancora tutto da vedere, la loro. Molti Helladini non si fanno trasportare da queste provocazioni fini solo a se stesse. 2) "Nessuno avrebbe potuto predirre una tanta vergognosa realtà. Fino ad oggi." Fino ad oggi eh?? Magari fino a decine di anni fa vorreste dire. Contando che il Chievo ha iniziato ad usare la Scala nel 1932, quando ancora militava nelle serie inferiori, affermare "fino ad oggi" mi pare un pochino esagerato e anacronistico. 3)" ...tentativo di incontrare un favore commerciale sfruttando le radici calcistiche di un'altra società". Non penso sinceramente che nel 1956, anno in cui il Chievo ha indossato i colori giallo-blu la prima volta, o che ancora meglio nel 1932, anno in cui il Chievo ha iniziato ad utilizzare la Scala, simbolo della città in cui lui stesso giocava, vi fossero scopi commerciali o di attirare una maggiore utenza di pubblico. E' molto improbabile che negli anni in cui militava nella seconda categoria regionale (1956) avesse voluto cambiare i colori per vendere più magliette, ma forse ammirando la squadra regina della sua città ha pensato fosse un'onore indossare gli stessi colori. Come d'altronde fanno ancora oggi molte società calcistiche cittadine. Il Chievo non ha rubato nè colori nè simboli, sono anche i suoi da molti anni ormai e non ha deciso di scegliere quelli per motivi economici, visto che quandi li scelse giocava ancora a livello regionale, ma perchè crede veramente in quello che quei simboli vogliono dire per la città e quindi per una squadra che fa parte di quella città! 4) Noi non ci sentiamo per niente una brutta copia dell'originale. Ma una squadra veronese con una sua identità, che porta avanti sani valori calcistici e umani totalmente diversi da quelli dell'Hellas. Noi non siamo l'Hellas e non vorremmo mai esserlo! 5) Il volantino definisce la storia del Chievo modesta: il Chievo è l'unica squadra che ad oggi in serie A si è creata un suo percorso totalmente da sola, si è qualificata anno dopo anno in tutte le serie calcistiche scalando le classifiche del calcio e arrivando a giocare anche in Europa. 82 anni di promozioni, emozioni, vittorie, trasferte non la chiamerei "storia modesta". La storia del Chievo è semplicemente più giovane di quella dell'Hellas, niente di più. 6) L'amore di noi tifosi clivensi non è certo improvvisato o di plastica. Il mio è un amore vero che mi spinge a sostenere sempre, in casa e in trasferta, in qualsiasi serie, i miei eroi, la squadra che mi ha regalato tante emozioni e gioie. Mai la tradirei e nessun tifoso del Chievo, che si definisca tale, volterà le spalle a Campedelli, come voi avete drasticamente pronosticato. Noi non abbiamo mai, e dico mai, contestato l'operato della società, che ha differenza vostra abbiamo sempre elogiato e ammirato senza chidere ogni 2 anni il cambio di presidente perchè la squadra non girava bene. Non siamo noi quelli che hanno voltato le spalle a Pastorello, solo per dirne uno. 7) La Scala, rappresenta Verona come città. E fin qui non ci piove. E' utilizzata da 79 anni dal Chievo, quando ancora militava nelle serie più infime del calcio, e di sicuro a quel tempo non voleva proporsi come alternativa all'Hellas. La Scala appartiene a voi da quando siete nati, giusto, e appartiene a noi da quando siamo nati, quasi 30 anni dopo di voi. Appartiene a noi in quanto simbolo di Verona, noi ci sentiamo a tutti gli effetti veronesi e questo simbolo è da quando siamo nati come società che ci rappresenta. Voi non avete l'esclusiva sulla Scala, nessuno ha l'esclusiva! Noi in quanto squadra di Verona siamo orgogliosi di indossare la Scala degli scaligeri, e non l'abbiamo rubata a nessuno che questo sia chiaro. E se mai furto vi fosse stato sarebbe ormai caduto in prescrizione visto che è avvenuto un'ottantina di anni fa. Inoltre la nostra Scala è ben diversa dalla vostra nuda Scala a tre pioli, il Chievo ha una Scala rappresentata all'interno di una scudo granata ed è a quattro pioli. "La scala non è affar tuo, non ti appartiene" ovviamente riferito a Campedelli, peccato che la Scala è anche affar suo, in quanto veronese dalla nascita. 8) Il nome Chievo Verona è stato dato solo nel 1990, quando il Chievo avendo raggiunto le serie prestigiose del calcio italiano non era più seguito dagli abitanti di un solo quartiere, ma il suo bacino d'utenza si stava lentamente allargando al resto di Verona. Sarebbe stato alquanto riduttivo continuare a far finta che il Chievo rappresentasse solo un quariere, solo 2mila abitanti, e non una città reale! 9) Il punto se volete più dolente. Non si può negare la realtà: voi avete più tifosi, non c'è alcun dubbio su questo. Ma non per questo io singolo tifoso del Chievo dovrei sentirmi inferiore a un qualsiasi tifoso dell'Hellas e mai mi sentirò inferiore o meno importante. La nostra tifoseria ha una dignità che va rispettata, pochi che siamo ci siamo sempre, e ci mettiamo tutto il cuore e i mezzi per seguire il Chievo sempre e comunque, come voi fate con l'Hellas e come qualunque tifoseria fa con la sua squadra del cuore.
     
  • Hilander

    il 02/03/2011 alle 22:29 “Se I Continua A Usarla I Casca Zooo”
    carissimi.......(i dise forse parenti) voi ke dallassu' (savi tuto vu' altri) ardè ke el quarto scalin le ROTO..... ....................................AVIO KAPIO PARKE PAR NOALTRI IE SOLO TRE!!!!!!!!!!!!!!????????
     
  • Odio I Mussi Perchè I Me Ricorda I Teroni

    il 02/03/2011 alle 20:58 “ Paul31 ...”
    caro paul31 penso che se nell' 84 non te fasei tifo per l'hellas l'era perchè o non te eri nato o te gavei el pisoto al sol ... perchè non credo che te andavi al botagisio a vardar il Paluani Chievo che giocava nel girone C del Campionato Interregionale... quindi l'è unitile che te parli de storia....perchè una società che cambia i colori sociali non l'è mia una società seria.....
     
  • Oldboy

    il 02/03/2011 alle 20:43 “Solitudine.”
    A tutti i tristi all'ascolto!!! Ma siete cosi' 4 gatti sui vostri blog, che sentite proprio il bisogno di compagnia e frequentate i nostri? Capisco che per far notare al resto della città e di Italia che esistete, dovete per forza cercare la polemica, ribattere ad ogni costo anche alle cose ovvie....negare l'evidenza!!!! Ma ora basta, state sfiorando il ridicolo......anzi...rettifico....lo avete abbondantemente superato. Questo sito offre abbondanti occasioni anche a voi per riunirvi "numerosissimi" nei vostri blog. Fatelo...e non disturbate i grandi, che stanno parlando di cose serie !!!! E se proprio soffrite di solitudine o di "sindrome da abbandono"....COMPRIVE UN CAN !!!!!! ( ho detto compratevelo, non RUBATELO !!!!) Il Mastino è già prenotato....per voi al limite vedrei bene il chihuahua !!!!!
     
  • Hellstraco

    il 02/03/2011 alle 20:36 “?????”
    sa ele queste confidense cugini??? ma se siete cinesi che casso volio anca emparentarve. comunque giù le mani dalla /=\. forza hellas unica ed originale squadra di verona!!
     
  • San Michel

    il 02/03/2011 alle 20:25 “Noi Non Abbiamo Cugini”
    cugini????per carita'!!!sarete cugini dei vicentini che in comune avete una cosa....il simbolo IL CONIGLIO!!!