UN GIOVANE 22ENNE

Arrestato tifoso Hellas
durante il derby

12/03/2018 15:04

Durante il derby è stato identificato, da uno steward, un giovane tifoso dell'Hellas che ha fatto scoppiare un petardo in Tribuna est. I Poliziotti della Digos hanno fermato il giovane che ha ammesso le sue responsabilità (aveva ancora due petardi in tasca).

Il tifoso, un 22enne residente a Negrar, pregiudicato per reati specifici e già colpito da Daspo, è stato così arrestato per lancio di materiale pericoloso e possesso "di artifizi pirotecnici in occasione di manifestazioni sportive".

Il Pubblico Ministero ha disposto gli arresti domiciliari rinviando l'udienza al 22 marzo. La Divisione Anticrimine della Questura di Verona è già a lavoro per ripristinare la misura di prevenzione del divieto di accesso alle manifestazioni sportive.


 
  • Pagine:
  • 1
  • 2
  • 3
  • Marchellas

    il 15/03/2018 alle 13:25 “Giustizia”
    il problema non è l'arresto o il daspo al solito imbecille con i petardi, che ricordo, vietati negli stadi, ma che qualcuno dica che visto che in altri posti lo fanno senza essere arrestati è giusto farlo ovunque. E' giusto che chiunque commetta reati venga sanzionato in qualsiasi stadio, ma non giustificarlo perchè in altre latitudini non funziona così. Anni fa un ragazzino ci ha rimesso un occhio per un petardo laciato in testa al bentegodi e non era una bomba carta. Ci lamentiamo degli altri eppoi ci comportiamo come loro. P.S. era già un pregiudicato colpito da daspo quindi non un santo. Forza Hellas.
     
  • Marco Verona

    il 13/03/2018 alle 15:38 “Assurdo...”
    Piena solidarietà per el Butel... molto più Butel ( anche se giovane) de chi se identifica uno dei Butei!!
     
  • Matt

    il 13/03/2018 alle 12:27 “Alle Maestre....”
    che all'asilo picchiano, umiliano, seviziano psicologicamente i bambini vengono dati i domiciliari.......stessa pena per un raudo !!!!!! Magistrati pagliacci
     
  • Beppe

    il 13/03/2018 alle 11:15 “Due Petardi...”
    E dopo ad altre latitudini ti arrivano bombe che fanno tremare lo stadio senza che nessuno faccia niente
     
  • Io

    il 13/03/2018 alle 09:54 “Io”
    rivoglio il calcio di una volta!!fumogeni torce petardi e tafferuglii.alla faccia de mario e de tutti i benpensanti.grazie a Dio io c'ero ed ho potuto vivere quelle giornate epiche..ma che ne sai mario??
     
  • Matteo

    il 13/03/2018 alle 07:07 “Miserie”
    ste tenti a far el dièl en macchina...se sa mai...
     
  • Lona

    il 12/03/2018 alle 23:59 “Anzi...”
    ..quei due petardini.......
     
  • Lona

    il 12/03/2018 alle 23:59 “Io L'ho Sentito......”
    .....e mi son messo a ridare da quanta tenerezza mi ha fatto quel petardino..........che miserie da paese delle banane. Per le bombe carta sti Stuart i se gira da un'altra parte. Ora abbiamo anche i terribili ultras della poltroncina accanto della est. Paiazzi ..
     
  • Busatta

    il 12/03/2018 alle 22:10 “Se Ci Fosse Un Sistema Unico, Ok”
    Così fa un po’ ridere. Comunque ricordo a tutti che le leggi le fa il Parlamento, non il giudice ne’ il poliziotto. Chi si lamenta del rumeno che rapina le ville, ecc ecc è il primo che è stato al Governo 10 degli ultimi 20 anni e non ha cambiato/fatto leggi migliori. Diciamola tutta,anziché criticare sempre chi applica la legge( fatta male)
     
  • Mario

    il 12/03/2018 alle 20:44 “Non Possiamo Diventare Come Loro”
    Giusto che sia stato arrestato, uno schifo che la giustizia sia doppia (al meridione possono fare quello che vogliono), ma l'alternativa quale è? Finire come loro? A rubare agli invalidi? A vivere tra i rifiuti? A chiamare quello che in tutto il resto del mondo è chiamato imbrogliare? Ad avere credibilità zero? Ad essere ricordati principalmente per avere esportato mafie? Piuttosto che questo mi tengo l'arresto, ma ci vorrebbe veramente o f.ascismo o secessione.
     
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA