CALCIO

Virtus Verona, al via
la stagione 2018/19

12/07/2018 22:23

Oggi pomeriggio nella suggestiva cornice dello Sporting Hotel San Felice di Illasi (VR), si è svolta la presentazione ufficiale della Virtus Verona per la stagione 2018/19, pronta a vivere con grande entusiasmo e determinazione il prossimo campionato di Lega Pro. Terminata la presentazione la squadra ha posato per la classica foto di gruppo, a seguire un breve allenamento prevalentemente basato sulla corsa e per concludere un bagno defaticante nella piscina dell’Hotel San Felice.

Presenti alla conferenza stampa, iniziata intorno alle ore 17.30, il presidente-allenatore Luigi Fresco, il vicepresidente storico Vittorio De Paolis e i direttori sportivi Adriano Zuppini e Matteo Corradini.

Queste le parole del presidente Luigi Fresco in prossimità dell’inizio di questo nuovo percorso tra i professionisti da parte della società rossoblù:”Lo scorso anno abbiamo fatto un campionato splendido rimanendo sempre nelle prime posizioni della classifica. Al termine del girone di andata eravamo primi a pari punti nonostante una serie di infortuni che ci hanno penalizzato non poco, tra cui quello di Danti che per noi era il giocatore più importante. Nonostante queste difficoltà abbiamo fatto un finale di campionato davvero importante e quindi non posso fare altro che ringraziare i miei ragazzi per questa impresa straordinaria”.

“Noi ci abbiamo creduto tanto in questa promozione, iniziando i lavori di ampliamento degli impianti già da un bel po’ di tempo. L’investimento a livello economico è stato davvero importante e se non avessimo vinto il campionato probabilmente non avremmo avuto le risorse necessarie per essere ripescati a livello economico. Il nostro obbiettivo è raggiungere il prima possibile la salvezza e abbiamo il gruppo giusto per potercela fare”.

Dopo il presidente Fresco è intervenuto anche il Direttore Sportivo Adriano Zuppini: ”Abbiamo fatto degli acquisti importanti, ora il primo passo è fare gruppo il prima possibile e mantenere la giusta concentrazione. Delle lacune a livello tecnico ci sono ancora ma ci lavoreremo, ma i giocatori più esperti daranno sicuramente qualcosa in più per aiutare i più giovani a crescere e a capire cosa significa competere in un campionato non più dilettantistico ma professionistico”.


Riccardo Caturano


 
Nessun commento per questo articolo.