PARLA L'EX CAPITANO DELL'HELLAS

Toni: Caso Pazzini? A
Verona c'è confusione...

09/11/2018 17:37

"Corini e Grosso? Sono in buoni rapporti con entrambi, anche se è un po’ che non li sento. Sono contento che siano in due società importanti. Sulla carta la squadra di Fabio è più forte, ma il Brescia sta facendo bene. Credo che sia una partita decisiva per entrambe: se il Brescia dovesse vincere, potrebbe puntare alle zone alte della classifica. Il Verona, invece, uscirebbe dalla crisi con un successo e si troverebbe in una situazione complicata in caso di sconfitta". Luca Toni parla così in una lunga intervista al Corriere di Brescia in vista della sfida tra le due squadre del suo cuore.

L'ex capitano dell'Hellas ha continuato parlando del caso Pazzini: "A Verona c’è un po’ di confusione perché Pazzini è un giocatore di alto livello e ha fatto pochi minuti, Di Carmine ha giocato ma poi è andato in panchina e nell’ultima giornata è stato scelto un attaccante molto giovane, lo slovacco Tupta. Secondo la mia esperienza, un attaccante rende bene quando sente la fiducia del mister: un tecnico deve fare delle scelte".

Toni ha concluso con un'ulteriore considerazione su Grosso: "Fabio l’ho conosciuto quando era più giovane e non pensava ancora ad allenare. Il ruolo fatto in carriera conta il giusto, è la voglia che ci metti a fare la differenza".


 
  • Pagine:
  • 1
  • 2
  • 3
  • Berga

    il 10/11/2018 alle 18:28 “Per Incline A Tutto”
    Ma chi sei? Setti ? Ma dai...
     
  • Busatta

    il 10/11/2018 alle 18:24 “Grande Capitano! Ha Detto Un Po’ Di Confusione, Ah Ah”
    Voleva dire: a Verona c è quella M di S e finché ci sarà lui, andrà sempre così. La verità, purtroppo, è che quando il Presidente( Martinelli) voleva vendere perché aveva un tumore, spunto solo questo losco personaggio, che fiuto l affare. Mentre altro pensavano ai costi/ricavi/ sostenibilità di una squadra di calcio, questo penso subito al vero valore di una squadra( il valore del parco giocatori) e compro’ il Verona SENZA debiti per 5 maledettissimi milioni di euro. Poi comincio’ a vendere qualsiasi giocatore e, di fatto, a non comprarne nessuno, pagando solo gli stipendi ai presenti ed a quelli arrivati in prestito/svincolati. Ebbe il c*** clamoroso che uno svincolato che tutti ritenevano inutile e bollito( io per primo) si rivelò l affare del secolo( pagato zero, al solito) e- di fatto- ci tenne a galla. Nel frattempo però il puerco stava vendendo chiunque pur di imboscarsi i soldi all estero e piano piano la squadra segui quello che doveva essere il suo destino: serie B, perché se vendi tutti e li rimpiazzi con scarti degli scarti, stra Svincolati, vecchi, ecc non puoi che finire in B. La risalita in A la ritengo semi casuale, ma figlia del fatto che avevi uno che in B faceva( e farebbe tuttora) la differenza. Il puerco però continu, e continuerà in eterno, con il solito andazzo( vendo tutto/ compro niente) e quindi prima o poi finiremo in serie C. Non so se allora spunterà un altro Martinelli o un altro Setti. Di certo, non avremo nessun parco giocatori che valga qualcosa e, nonostante tutti i soldi rubati( imboscati nei suoi conti in Lussemburgo e Svizzera), non è detto che il Verona non sarà pieno di debiti. L esempio dell Hellas Store( che fa risultare in perdita caricandolo di costi che non sono relativi al negozio) è emblematico. Siamo sinceri...avere una squadra di provincia, o sei bravo e coraggioso( Atalanta,Empoli,Chievo stesso per 20 anni), o sei milionario( te li tieni per te e famiglia, in generale) o senno ‘ lo fai solo per fare cose sporche, riciclare soldi, comprare giocatori strani all estero e fare mazzette all estero esentasse e cose del genere. Guardate il panorama della B e della Lega Pro: la maggior parte delle squadre sono di avventurieri, tangentari, costruttori, e personaggi come Avellino, “espulso” dallo sport inglese ma accolto a braccia aperte a Brescia....ehm ehm
     
  • Ciccio2

    il 10/11/2018 alle 16:50 “Nicola...”
    solo gli sciocchi non cambiano mai idea.. ci sta. E comunque criticare una persona non significa essere contro a tutto quel che ha fatto quella persona
     
  • Jordan

    il 10/11/2018 alle 13:27 “Ghe ”
    solo el Papa che ga ancora da dir che a Verona ghe confusion e che Pazzini el ga da zugar.
     
  • Tex67

    il 10/11/2018 alle 09:55 “Peter”
    Non si possono demandare le rivoluzioni ai media o alle Istituzioni, "Peter". Quest'ultimi vanno, in genere, dove tira il vento. La rivoluzione è del popolo. E il popolo dell'Hellas non ha ancora dimostrato di volerla fare. È diviso, e non ne capisco il perché, visto che l'obiettivo dovrebbe essere comune, ossia la cacciata del tiranno. Qualcosa indubbiamente non torna. Ciao Peter.
     
  • Nicola

    il 10/11/2018 alle 09:46 “Setti Vattene”
    Ricordo bene che Telenuovo e Vighini si schierarono pro-Fusco e contro Toni......miserie !
     
  • Peter

    il 10/11/2018 alle 09:26 “Tex67”
    "il tempo mi darà ragione". poi esiste chi ha capito quasi subito, chi non ha ancora capito e chi ... non può capire. Il progetto del terzo avventuriere arrivato da fuori le mura , è ancora più pesante di quanto Uzzo ed il suo amico dei tappeti persiani fecero, e di quanto il WCentino finto antiquario ci lasciò in eredità. spiace sempre l'assenza/negligenza di chi dovrebbe e potrebbe fare di più, vero istituzioni , media, finti giornalisti radiofonici ,etc ?
     
  • Ruspa62

    il 10/11/2018 alle 08:10 “Uno Che Ne Capisce Di Calcio”
    proprio quello che manca all'Hellas di oggi purtroppo.
     
  • Federico

    il 10/11/2018 alle 00:05 “Inclineatutto”
    Sito incline anca ai schei che te paga el majaro par dir monade?
     
  • Roberto

    il 09/11/2018 alle 22:16 “Grande Luca”
    Setti impiccati