ARGOMENTO

LA VIRTUS VERONA
"VITTIMA" DEL SUO SOGNO

13/02/2019 10:30

Il paradosso è semplice: la Virtus Verona dovrebbe rinunciare a Gigi Fresco ma non può rinunciare a Gigi Fresco.

E' tutto in questo cortocircuito il campionato della squadra veronese, arrivata miracolosamente in serie C e adesso sprofondata nei bassifondi della classifica.

Per dare una scossa all'ambiente ormai depresso, dopo aver dilapidato mille partite, sarebbe necessario un cambio in panchina. Ipotizzabile ovunque, ma non alla Virtus Verona dove Gigi Fresco è il fantastico demiurgo che ha permesso alla società di salire in serie C. Servirebbe un passo indietro di Fresco, ma a questo punto ci si chiede: senza Fresco sarebbe ancora la Virtus Verona? E' una questione "essenziale". E' evidente che se Fresco decidesse di dare le dimissioni dalla panchina, la Virtus non sarebbe più la stessa cosa. Magari si potrebbe salvare (l'impresa è tutto sommato ancora possibile) ma la società si sarebbe snaturata in maniera irreversibile. E' un rischio che solo Fresco, che ama la Virtus sopra ogni cosa, deve soppesare e prendersi. La Virtus Verona è la sua creatura, nessuno può prendere questa decisione se non lui. (g.vig.)


 
  • Sandro

    il 13/02/2019 alle 16:27 “Zecche”
    la giusta fine delle zecche.......sparire
     
  • Effenberg

    il 13/02/2019 alle 16:09 “Bene Così”
    Mal che si vuol non duol