UDINE VINCE 76-71

La Tezenis perde
ma rimane quarta

14/04/2019 18:12

La Tezenis esce sconfitta da Udine (76-71). I friulani agganciano così gli scaligeri al quarto posto in classifica (a quota 36 punti) ma rimangono dietro a causa della differenza canestri (all'andata Verona aveva vinto con un notevole +11). Ora gli uomini di Dalmonte devono vincere l'ultima partita, in casa con Cento sabato sera, per mantenere la quarta piazza in vista dei play-off.

ULTIMO QUARTO. Verona si avvicina con Candussi (67-65). Le difese si chiudono a riccio e non si segna per quattro minuti di fila. Simpson allora sblocca il match con una tripla ma Amato lo imita. Nikolic segna ancora e Udine mantiene le distanze (72-68). Amato compie un errore banale e i friulani volano sul +6. Vujacic con grande classe, accorcia il distacco. I friulani però controllano e tornano ad un vantaggio rassicurante (76-71). A Poletti viene annullato un canestro "dubbio" allo scadere e Udine porta a casa la vittoria. Finisce 76-71.

TERZO QUARTO. Udine sorpassa con Nikolic. Il punteggio è sempre equilibrato e ci vuole una tripla di Penna per rompere gli equilibri in favore dei friulani. Pellegrino porta Udine sul + 5 con un parziale di 7-0 che fa preoccupare Dalmonte. Poletti prova a suonare la carica e Verona si avvicina. Udom pareggia con due tiri liberi (58-58). Nel finale Simpson e Powell fanno scappare Udine con due canestri (67-62). La tripla di Severini, nel finale, entra in rete ma la sirena era già suonata.

SECONDO QUARTO. Simpson, che aveva chiuso il primo quarto, apre anche il secondo quarto con un bel canestro ma Verona reagisce subito con Ikangi (31-33). Powell trova il pareggio però subito dopo Candussi segna una tripla importante e poi punge ancora i bianconeri (33-38). Si abbassano i ritmi e Udine recupera e pareggia (39-39). Si continua giocare punto a punto e ci vuole capitan Amato per rompere gli equilibri (42-46). I friulani sorpassano "in curva" Verona con due canestri ma ci pensa Ferguson a riportare avanti la Tezenis (47-48). Sulla sirena grande stoppata di Udom.

PRIMO QUARTO. La Tezenis vuole tornare alla vittoria dopo la brutta sconfitta di Roseto. Dalmonte, nello scontro diretto per il quarto posto ad Udine, conferma Vujacic in quintetto con Amato, Severini, Poletti e Candussi. Subito ritmi altissimi con Udine che apre il match ma Severini porta avanti Verona con una tripla (7-12). I friulani controsorpassano ma poi ci pensa Vujacic da fuori a riportare la Tezenis avanti (13-15). Si continua a segnare e Verona vola ancora con l’ex Lakers che realizza un altro canestro da fuori (16-21). Non ci si ferma un attimo: Vujacic segna ancora ma poi Simpson realizza sulla sirena. Dopo 10 minuti è 27-31 per Verona.


 
  • Henry

    il 15/04/2019 alle 07:43 “Allenatore Da Minibasket, Ma Femminile.”
    I tifosi Hellas hanno la croce Grosso, noi la croce Dalmonte con la differenza che Grosso ha un bel curriculum come calciatore mentre questo non si sa come sia arrivato al basket. Mi rifiuto di credere che Fergusson sia così scadente e come possa essere l'aria di Verona a far peggiorare quelli che arrivano. Dopo 9 mesi non è nato un gioco che sia uno e penso che ci sia stata solo 1 o 2 partite in cui abbiamo preso più rimbalzi degli avversari. Non mi si dica che sono i giocatori che sbagliano dal momento che li fa giocare nel posto sbagliato; come Grosso che impiega metà giocatori fuori ruolo e posizione.
     
  • Nicolo'

    il 14/04/2019 alle 19:48 “Cambio”
    ferguson-henderson subito!