GLI ERRORI DEL PREISDENTE

LA MOSSA DI SETTI
CHE HA CAMBIATO L'HELLAS

12/09/2019 10:28

Fateci caso: Setti non ammette mai un errore. Ma nessuno come lui è pronto a cambiare rotta dopo annate disastrose e incomprensibili. Era successo con Bigon: definito "tedesco", "gran lavoratore", "Perfetto per il Verona e la nostra società". Di quella stagione, per fortuna è rimasto pochissimo. Setti ha fatto piazza pulita, venne cacciato persino l'addeto stampa, anche se poi gli "ispiratori" del presidente sono rimasti gli stessi. Da Righi, attuale ds del Mantova nonostante la fallimentare stagione scorsa in D, a Fusco a D'Amico: che è come dire che cambiando l'ordine dei fattori il prodotto non cambia.

Così arrivò Pecchia, una scelta fatta per imitare un calcio spagnolo inapplicabile in Italia, una scommessa che pareva vinta per metà campionato di B e che poi è rumorosamente crollata.

Fusco venne sacrificato sull'altare di Pecchia che venne a sua volta sacrificato sull'altare della peggiore campagna acquisti di sempre.

Non pago di aver offerto ai tifosi del Verona quella stagione, Setti proseguì l'esperienza con Grosso e il suo ipertrofico e inutile staff. Un altro flop, ancora più incredibile del precedente, che stava per costare al Verona la serie A, nonostante il gigantesco paracadute da 25 milioni.

Acciuffata per il grande merito di Aglietti che era stato scelto senza tante speranze dal presidente, visto che in realtà aveva già messo sotto contratto Juric per un altro probabile campionato di B, circostanza raccontata dallo stesso allenatore croato.

Ed eccola la scelta finalmente in sintonia con la piazza. Abbandonate le velleità di tiki taka, di guardiolismo e altre amenità del genere, Setti ha scelto un allenatore concreto, senza fronzoli, lavoratore vero sul campo, diretto, burbero nei modi ma gentile nei fatti. Insomma uno che (potenzialemente) ha tutto per piacere ai veronesi. Ed infatti, nonostante l'iniziale perplessità, Juric sta facendo breccia.

La squadra interpreta alla perfezione il sentire dello stadio e della sua gente. Gli allenamenti sono tornati ad essere a porte aperte. L'idea tattica è chiara e di conseguenza è stata chiara la campagna acquisti. I giocatori hanno ruoli e all'interno dello schema scelto si esaltano. Persino un caso spinoso come Pazzini è stato risolto con chiarezza. Stop con le dichiarazioni fumose e che lasciavano sempre aperti dei dubbi: semplicemente, ha detto Juric, Pazzini non è ancora in forma per farlo giocare da titolare.

Dopo gli anni d'oro della strana coppia Mandorlini e Sogliano, Setti non ne aveva più azzeccata una. Ora con Juric si è rimesso sulla strada giusta. Anche se non lo ammetterà mai: come quando ha detto che Aglietti ha lavorato sul solco del grande lavoro fatto da Grosso... (g.vig.)


 
  • Pagine:
  • 1
  • 2
  • Amadei Riccardo

    il 14/09/2019 alle 10:11 “Attenzione....”
    aspettiamo a mettere sul piedistallo Juric. Non perchè lo considero un cattivo allenatore. Mi sembra che con le squadre che ha allenato è partito benissimo ma poi c'è stato il calo. Aspettiamo e vediamo alla fine del girone di andata come sarà la situazione in classifica.... che poi oggi è l'unica cosa che conta. Può darsi che abbia analizzato i suoi errori e possa essere un tranquillo campionato in cui ci si possa salvare serenamente. La cosa positiva è che ha rigenerato alcuni giocatori che prima facevano fatica. INSOMMA.....SPERIAMO.
     
  • Penzo11

    il 13/09/2019 alle 22:52 “Un Bel /sto Con Vigo”
    Complimenti al vostro modo di non essere d accordo. Dei Lord. Degni di farsi pagare dal mutandaro
     
  • Io Sto Con Vigo

    il 13/09/2019 alle 18:05 “Vigo Non Si Tocca”
    luridi vermi sfigadi ...pikeve tuti ....forza Hellas e forza VIGO il vero SINDACO!!!!!
     
  • Un Bel

    il 13/09/2019 alle 14:39 “Vaffanhulo A Tutti ”
    IO SPERO CHE VI TRASFERIATE TUTTI A NAPOLI ..VERONA SAREBBE UN POSTO MIGLIORE
     
  • Marcohvr

    il 13/09/2019 alle 10:17 “Vigo Vigo Un Avventuriero”
    rimane un AVVENTURIERO SEMPRE. DEVE SOLO VENDERE ED ANDARSENE AL PIÙ PRESTO E NOTTETEMPO INSIEME AL GATTO E AL GATTO (PERCHÉ LA VOLPE NON C'È). AMEN!
     
  • Hellasebasta

    il 13/09/2019 alle 08:45 “La Rosea”
    La rosea assegna i voti limitandosi a guardare quanti soldi si sono spesi per acquistare i giocatori ....ad esempio avessimo preso Ribery a 4 mln di euro di contratto annuale magari ti dava 6,5. Personalmente concordo con Vighini quando afferma che quest'anno sono arrivati giocatori che sembrano avere i connotati giusti per il Verona, indipendentemente da quanto costano o da quanto siano famosi. Toni per me rimane un miracolo sportivo, è stato una punta che ha sempre visto la porta, si è sempre impegnato negli allenamenti e qui ha trovato un modulo che lo ha esaltato. Fidiamoci che non capiterà mai più, per noi molto meglio scommettere su giovani che abbiano nel DNA il sacrificio e la voglia di fare carriera correndo e sudando....Gasperini ha fatto far carriera a un gran numero di sconosciuti, ricordo che Gagliardini, venduta a 34 mln all'Inter a Gennaio, l'anno prima faceva la panca a Vicenza....L'importante è che l'allenatore sembra avere le idee chiare sulla collocazione dei giocatori e sui moduli, e già questo per noi helladini è tanta, tantissima roba....Corsa, sudore, impegno e poi sia quel che sia
     
  • Caverzan

    il 13/09/2019 alle 08:19 “Cambia Poco”
    Vedremo solo nel proseguo se questa campagna acquisti, reputata da 5 anche dalla rosea, si rivelerà adeguata o meno. Cambia poco, l'incapace farabutto da carpi deve prendere armi e bagagli ed andarsene, mettendo nei bagagli anche gli altri due inadeguati peracottai.
     
  • Mario

    il 13/09/2019 alle 04:00 “Altri Interessi: Soldi”
    Molto semplicemente: Setti fa UNICAMENTE ED ESCLUSIVAMENTE quello che gli porta più soldi possibili in tasca. Per due anni siamo retrocessi volutamente, perchè conveniva economicamente (paracadute). Quest'anno NON conviene retrocedere, per cui si è allestita una squadra, appena, appena, in grado di lottare per la salvezza. Tutto qui: Setti rimane un mero speculatore, che non è fallito con il Verona, solo perchè c'era il paracadute.
     
  • Penzo11

    il 12/09/2019 alle 23:17 “Non è In Sintonia Con La Piazza”
    Non è che se abbiamo fatto 4 punti in 2 partite contro Il Real Bologna ed il Real Lecce, si cambia opinione,per cortesia. Questo si è messo in tasca personalmente investendo nulla e portandoseli all estero almeno 60/70 milioni in questi anni. Distrazione di fondi sociali. Anche se facessimo 48 punti, è e rimane un Ghirardi della situazione. Bleah
     
  • Wallace

    il 12/09/2019 alle 20:12 “Setti”
    ha capito che se fa scelte giuste, può guadagnare di più e fare una figura migliore con la piazza. Fino all anno scorso, errori a raffica, obblighi di riscatto, cissè pagato x liberare un incapace come grosso, con un contratto capestro x la societa. il fatto che abbia preso stepinski, al di la che il giocatore faccia bene o meno, da l idea di una parvenza di conduzione societaria migliore. Insisto..ha capito che si può investire e guadagnare di piu di quello che gia guadagnava prima. Imprenditori all orizzonte non si vedono, quindi avanti. La squadra dà battaglia sul campo, questa è la cosa importante. Sempre e solo forza hellas!!!