SCATTA IL CAMPIONATO

Dalmonte: È la sfida più
sentita della carriera

04/10/2019 13:13

“Siamo esattamente dove desideriamo di essere alla vigilia della prima palla a due della stagione”. Sono le prime parole di Luca Dalmonte nella presentazione della sfida con Caserta che domenica alle 18 all’Agsm Forum aprirà il campionato della Tezenis.

Coach siete carichi?

“Credo che il punto fondamentale, indipendentemente da un tiro, da un passaggio, da un blocco, sia accomunare le nostre emozioni per emozionare la nostra gente”.

Da domani in avanti?

“Dobbiamo scendere in campo con questo spirito ad ogni partita. ln questo viaggio che, lungo o corto che sia, necessita di un primo passo, un segnale per chi ci viene a vedere”.

Qual è il suo desiderio?

“Creare emozioni dentro per regalare emozioni fuori, a tutti. A chi è abbonato da anni e ci conosce bene, a chi ha acquistato la possibilità per la prima, seconda o terza volta. A chiunque sarà al palasport”.

E obiettivo vincere, ovviamente…

“Il risultato primario è ascoltare le nostre emozioni per regalarle a chi è dentro palazzo, poi ci saranno i tiri, le azioni e il risultato sarà di conseguenza”.

C’è tanta attesa per quello che farà quest’anno la sua Tezenis…

“Probabilmente non sono stato chiaro in una presentazione nella quale, giustamente, è stata data voce a chi suda in campo. La mia emozione di essere qui in questo momento per me vale tantissimo. Forse è la sfida più sentita della mia carriera: per la progettualità costruita e per la responsabilità che mi sento addosso. E’ una chance che sento dentro nel più profondo e la voglio vivere fino in fondo. Partendo da un sentire: emozioni. Obiettivo nostro: regalarne”.

Si parte con Caserta, che squadra è?

“Arriva Caserta con le sue ambizioni, mi sembra che siano bravi a tenerle nascoste, sotto traccia. E’ una squadra solida, due giocatori con licenza sul pick&roll come Allen e Giuri, un giocatore di grande esperienza come Cusin e poi specialisti che dalle situazioni di quel trio riescono a costruire con fiducia ogni occasione, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo del tiro da tre. Difensivamente poi hanno hanno taglia sugli esterni e possono aggredire sul perimetro perché sanno di essere protetti dentro l’area da Cusin e Paci”.

In panchina un grande nome come Nando Gentile, come giudica la sua pallacanestro?

“Non l‘ho mai affrontato da allenatore”.

Ma la Tezenis dopo il precampionato come sta?

“Tutto a posto, siamo pronti e, ripeto, siamo dove vogliamo essere. Aggiungo solo che in giro mi sembra che tutti tendano un po’ a nascondersi”.

Mariobasket


 
  • Oste

    il 05/10/2019 alle 15:54 “Peccato Che Quest’anno..”
    Si vada in A1 solo per i playoff, visto che hanno tolto le promozioni dirette. La vedo molto dura... Fatalità l’anno che verona arrivó prima nel girone con Monroe, anche quell anno nn si andava su direttamente. Mah....continuano a cambiare...
     
  • Gg

    il 05/10/2019 alle 12:34 “Speriamo Che Quest'anno...”
    ...le emozioni che ci regali nn siano il crepacuore per le occasioni mancate, il nervoso per la gestione delle partite incomprensibile o lo smarrimento per le astruse elucubrazioni delle dichiarazioni.....