BASKET A2

Dalmonte: Sono
orgoglioso della squadra

03/11/2019 21:41
“Complimenti, innanzitutto al percorso fatto fino oggi da San Severo e per il clima bellissimo al Palazzetto. E’ bello giocare dentro a questo contesto di entusiasmo e di assoluta correttezza; è necessario fare questo tipo di sottolineatura perché non capita sempre e quando succede dobbiamo dare anche le belle notizie”. Così, coach Dalmonte, ha esordito in conferenza stampa a San Severo dopo la bella vittoria della Tezenis contro l’Allianz Pazienza.

Dalmonte, poi, ha proseguito: “Sono orgoglioso, straordinariamente orgoglioso della squadra. Di ogni singolo giocatore, di come è stato connesso dentro la partita, di come è stato presente nelle regole, come è riuscito a portare qualcosa di proprio all’interno del sistema di squadra. Avevamo preparato la partita cercando di negare facili possibilità di contropiede e dovevamo essere molto attenti non concedendo tiri aperti da tre punti riconoscendo la forza principale di San Severo. Abbiamo raggiunto questi due obiettivi difensivamente ed offensivamente siamo riusciti a trovare insieme una situazione per il nostro ritmo d’attacco. Ci sono 6 giocatori in doppia cifra fuori casa: significa che abbiamo avuto una distribuzione importante e di qualità. Lo ripeto: sono orgoglioso della mia squadra e questo deve essere il titolo di domani. Lo devono sentire loro, devono sentire la forza che hanno e deve trasformarsi in energia per presentarci la prossima settimana e ricercare altri dettagli per migliorarci. E’ giusto che questa sera si godano il vittoria e ci sia la consapevolezza, da parte loro, che il loro allenatore è orgoglioso di loro”.

Sul percorso dell’ultima settimana, il coach ha sottolineato: “Abbiamo perso contro Orzinuovi una partita che meritatamente i nostri avversari hanno fatto loro. Però la capacità di reagire è determinante. Si può cadere, nessuno è perfetto, ma la capacità e la forza di rialzarti fa la differenza. Le assenze? Questa sera vorrei parlare di chi ha giocato, non ci siamo mai nascosti ad un’assenza per crearci un alibi o una scusante. Quando sei in un momento di difficoltà, sei di fronte ad una sfida e ad un’opportunità”.
 
  • Torio

    il 04/11/2019 alle 12:13 “Coach E Squadra”
    L'ho già detto: al netto di discorsi (apparentemente) arzigogolati del passato, complimenti doverosi per come il coach è dentro la squadra, nel senso che viene seguito anche e soprattutto (in questo caso) nei momenti difficili. Ecco, se si riesce a formare una unione granitica coach-squadra sul da farsi, è la chiave del successo. Sta succedendo, credo. Non che sia mancato questo in passato, ma forse mancavano i giocatori adatti. Lo spirito c'è. Avanti così
     
  • Gg

    il 03/11/2019 alle 23:53 “Proprio Così..”
    ..tutti connessi, te compreso! complimenti per la vittoria e per come è stata conseguita