VIRTUS VERONA

Sammarco: 500 presenze
mi riempiono d'orgoglio

20/02/2020 17:33

Queste le parole di Paolo Sammarco, in merito al traguardo delle 500 presenze da professionista, raggiunto proprio nella scorsa sfida con il Vicenza: "Sono molto orgoglioso di questo traguardo. Quando raggiungi determinati numeri, vuole anche dire anche che sei arrivato ad una certa età ma sicuramente significa che qualcosa di buono nella mia carriera lo hai fatto. A Vicenza non ho pensato molto a questa cosa, ero concentrato sulla partita che per fortuna ha avuto un esito positivo per noi. Sono uno che si lascia trascinare poco dalle emozioni ma è un traguardo che in ogni caso custodirò con molto affetto.


"Sicuramente il Chievo è stata una parentesi fondamentale per lo sviluppo della mia carriera. Con la maglia gialloblù ho esordito in Serie A, sono cresciuto come uomo e come giocatore e mi hanno dato le basi per poter proseguire poi la mia carriera ad alti livelli. Ho avuto la possibilità di poter giocare anche i preliminari di Champions League e questi sono ricordi che mi porterò sempre con me. A Genova, sponda blucerchiata, ho vissuto il punto più alto della mia carriera da giocatore. Sapere di poter giocare ogni due settimane in uno stadio come quello di Marassi, in una piazza storica, ti dava sempre grande carica e motivazioni per fare bene".



"A Frosinone ho vissuto invece una bellissima sorpresa. Ero arrivato li a gennaio dallo Spezia dove le cose non erano andate bene, non conoscevo nessuno e la piazza era alla prima esperienza in Serie B. Abbiamo vinto subito il campionato, andando in Serie A e ho legato con un sacco di persone con la quale ancora oggi mi sento e ho tenuto i rapporti. Dopo l'esperienza a Frosinone ho vissuto un momento non facile ma non ho mai pensato di smettere. Devo ringraziare sicuramente la Virtus e Gigi Fresco per avermi dato la possibilità di continuare a dare il mio contributo ad alti livelli e finchè sarò qui cercherò di dare sempre il massimo delle mie possibilità. Alla mia età non è facile porsi degli obbiettivi a lungo termine ma bisogna guardare giorno dopo giorno. Ora sono concetrato sul nostro obbiettivo che è quello di salvarci, poi una volta raggiunto parlerò con la società e se ci sarà la possibilità do continuare sarò ben felice di farlo".


Questo invece il commento del presidente-allenatore della Virtus Verona, Luigi Fresco: "Paolo è una persona fantastica oltre che un giocatore straordinario. Sono molto orgoglioso di poter dire un giorno di averlo allenato qui alla Virtus. Sono felice che anche noi in piccola parte abbiamo reso possibile questo suo importantissimo traguardo. Lui insieme a Cazzola e Bentivoglio sono un po' la nostra spina dorsale a centrocampo e sono fondamentali anche per trasmettere sicurezza a tutta la squadra durante la partita. Sabato abbiamo una sfida molto delicata contro il Rimini e spero che possiamo portarla a casa e perchè magari con un goal di Paolo".


 
Nessun commento per questo articolo.