INTERVISTA ALLA GAZZETTA

Juric: Senza Covid, mio
Hellas andava in Europa

31/07/2020 09:00

“Arrivare all’ottavo posto sarebbe fantastico. Vogliamo vincere domenica a Genova. Sono infastidito dalle voci sulla presunta morbidezza: mi fa schifo questo modo di pensare. È brutto è fastidioso per la gente onesta. All’estero e negli altri sport nemmeno pensano che possa accadere. La Serie A pre e post Covid-19? Sì, è stato un massacro fisico e mentale. Ma era giusto giocare per aiutare i club e le persone che lavorano nel calcio economicamente. Voto al Verona? 10 e lode, abbiamo fatto il massimo". Così Ivan Juric fa il bilancio della stagione dell'Hellas, intervistato dalla Gazzetta dello Sport.

Il tecnico croato ha continuato: "Il mio giudizio personale? Sono molto contento di me stesso. Ho trovato un ambiente che mi ha lasciato esprimere: ho avuto le mie mancanze e non me le hanno fatto pesare e allo stesso tempo hanno esaltato i miei pregi. Con il presidente Setti il rapporto è sincero. La pensiamo diversamente su certe cose, ma fino adesso mi ha sempre detto la verità. Come mai è tardata l’ufficializzazione del contratto? Economicamente eravamo d’accordo da mesi, i miei dubbi erano legati all’investimento futuro. Volevo il massimo perché penso che dobbiamo migliorare, me compreso".

Juric ha proseguito: "Ho ascoltato altre proposte, poi mi è venuto naturale scegliere Verona. Quando ti trovi così bene, vuoi continuare questa sensazione piacevole. Sono strafelice. Molti sottovalutano l’aspetto umano: invece stare bene in un ambiente di lavoro come qui dove non si finge è fondamentale. Non contano solo i soldi, il successo, gli obiettivi sul campo. Ci sono anche altri valori. Il momento più bello? La settimana in cui abbiamo affrontato Milan, Lazio e Juventus a inizio febbraio: 5 punti, 0 sconfitte. Facevamo grande calcio. Senza lo stop del campionato saremo andati in Europa League, ne sono convinto, avevamo raggiunto un livello psico-fisico eccellente. Non avevamo paura di niente".

Juric ha concluso: "Ho ritrovato la felicità a Verona. Quei due anni e mezzo al Genoa mi hanno distrutto, ho sofferto. Ripetere il miracolo sportivo? Bisogna programmare, c’è qualche risorsa da investire in più rispetto a quest’anno. Nella scorsa estate ci siamo arrangiati bene, ci siamo mossi con logica con il d.s. D’Amico. Adesso possiamo fare anche qualcosa in più e magari avere meno giocatori in prestito. Possiamo fare un passo in avanti. Kumbulla è pronto per una grande squadra, anche se mi piacerebbe che rimanesse un altro anno. È una persona seria”.


 
  • Di Fiera Stirpe

    il 31/07/2020 alle 14:16 “Lullone”
    vedi lullone hai centrato il discorso:Verona è capace di dare tantissimo a chi se lo merita, non ai raccomandati di turno: chiaro che tv e giornali che sono pieni di raccomandati ci vedano male. Comunque Juric persona davvero speciale, come uomo più ancora che come allenatore
     
  • Giuly77m

    il 31/07/2020 alle 13:04 “Grande Uomo”
    Grande Uomo e Grandissimo Allenatore Felice che sia il nostro condottiero
     
  • Riccardo

    il 31/07/2020 alle 11:07 “Juric”
    Un passo, e anche due, che va oltre il calcio, che descrive l’uomo. Ivan Juric in un’intervista al giornale L’Arena racconta come in questi mesi di difficoltà dovuti all’emergenza Coronavirus abbia voluto dare qualcosa di suo, di gratuito, alla città di Verona. “Sono fatto così – dice Juric – sono andato alla mensa dei poveri più di una volta qui a Verona ma è più quello che hanno dato loro a me, che il contrario. Non facevo niente di particolare, davo una mano in cucina. Noi guadagniamo tanto, troppo. Mi ha fatto star bene, ho amici in quel posto”
     
  • Sangue Gialloblu

    il 31/07/2020 alle 11:04 “Ivan Uno Di Noi!”
    Quando si potrà tornare al Bentegodi, spero prima possibile, tutti con la maglietta di Juric "Questa è casa mia"
     
  • Riccardo

    il 31/07/2020 alle 11:03 “Qui Ho Ritrovato La Felicità”
    BELLISSIMO
     
  • Maroni Sgionfi

    il 31/07/2020 alle 10:41 “Quoto Duilio”
    Ma di che spessore è questa persona ?? se penso che avevamo qui un GROSSO allenatore o più che grosso GOBBO !! AHAHAHAHAH che quando parlava non sapeva nemmeno lui cosa diceva o cosa farfugliava ed adesso ha l'agenda piena di appuntamenti con grandi squadre ....
     
  • Lullone

    il 31/07/2020 alle 10:36 “E Pensare...”
    ...che l'estate scorsa in molti criticavano la scelta della società, di lasciare a casa Aglietti eroe della promozione, per un "tuffo nel vuoto" con un'allenatore che non aveva proprio brillato nelle ultime stagioni. Complimenti a Juric che ha dimostrato di essere una persona davvero in gamba e un allenatore capace. Rimanere a Verona rifiutando piazze piu grandi, dimostra che i soldi non sono tutto. Non pensavo esistessero ancora persone così nel mondo del calcio, felice di essere stato smentito. Verona, per quanto venga criticata sui quotidiani e in tv, è una piazza capace di dare tantissimo a chi se lo merita. E questa ne è la riprova.
     
  • Duilio

    il 31/07/2020 alle 09:27 “Chapeau”
    Mi sorprende sempre di più in meglio questa persona, perché prima è una persona, un uomo, poi un allenatore! COMPLIMENTI!!!