IL GOLFISTA VERONESE

Manassero vince un Open
internazionale dopo 7 anni

20/09/2020 09:25
Il golf italiano ritrova uno dei suoi migliori talenti, Matteo Manassero. Il veronese a Gavorrano (Grosseto) vince il Toscana Alps Open e ritorna al successo in campo internazionale dopo oltre 7 anni dall'ultima volta. Entrato nel field all'ultimo minuto, Manassero sul percorso del Pelagone Hotel & Golf Resort (par 71), con un totale di 194 (-19) colpi ha superato la concorrenza degli spagnoli Angel Hidalgo Portillo (leader dopo il secondo round proprio davanti al player veneto), secondo con 195 (-18), e Manuel Elvira, terzo con 196 (-17). Decisivo, per l'azzurro, un birdie alla 54/a buca (la 18/a ed ultima di giornata) che gli ha permesso di chiudere il giro con un parziale di 65 (-6) caratterizzato anche da un eagle.

"Il lavoro paga. Non voglio dire 'sono tornato'. Ma quello che posso sottolineare è che, in tutto questo tempo, non ho mai smesso di lottare. Questo successo è il frutto di un lavoro anche mentale, a 360°". Queste le dichiarazioni di Manassero al termine della gara.
Dal trionfo al BMW Championship arrivato il 26 maggio 2013 a Wentworth in un torneo, quello dell'European Tour, considerato da molti come una sorta di "quinto" Major del green maschile, all'exploit al Toscana Alps Open, terza tappa 2020 dell'Italian Pro Tour inserita anche nel calendario dell'Alps Tour.

Tanto era passato dall'ultima vittoria in campo internazionale di Manassero, 27enne di Negrar che, negli anni d'oro, era riuscito ad arrivare tra i migliori 25 giocatori al mondo. Dalla gloria alle cadute fino all'urlo liberatorio arrivato oggi in Toscana. Dopo il lungo lockdown Manassero, grande tifoso del Milan, era riuscito a superare Renato Paratore (impegnato in questi giorni allo US Open) e a imporsi nel "Warm Up Contest", gara tutta italiana organizzata dalla Federgolf - al Golf Nazionale di Sutri, la Coverciano del green - lo scorso luglio per permettere agli azzurri di riprendere confidenza col gioco dopo il lungo stop. Lì i primi segnali di ripresa, a Gavorrano la certezza: Manassero è tornato a giocare su ottimi livelli. La dimostrazione è arrivata sul terzo circuito continentale, non certo il palcoscenico dei big.

Specialmente per uno come Manassero che detiene il record di più giovane vincitore sull'European Tour grazie all'impresa, arrivata il 24 ottobre 2010, al Castelló Masters in Spagna all'età di 17 anni, 6 mesi e 5 giorni.
na impresa che un mese più tardi ha permesso all'azzurro di essere incoronato come "Sir Henry Cotton Rookie of the Year" dell'Eurotour, riconoscimento conquistato in passato, tra gli altri, da grandi come Nick Faldo, Tony Jacklin e Josè Maria Olazabal.

Nel 2011 ancora un successo nel Malaysian Open, poi quello nel 2012 al Barclays Singapore Open, dunque il capolavoro nel BMW PGA Championship 2013, con "Manny" che s'affermò come il più giovane vincitore nella storia del torneo raggiungendo il 25° posto dell'ordine di merito mondiale. Poi le prime difficoltà, tra scarsi risultati e insuccessi. Ora la luce ritrovata in fondo al tunnel. Mancassero esulta, il Toscana Alps Open è suo. Per l'azzurro anche un assegno di 5.800 euro a fronte di un montepremi complessivo di 40.000.

 
Nessun commento per questo articolo.