VERONA-VENEZIA 6-4 D.C.R. (3-3 D.T.S.)

Passa l'Hellas, ma che
fatica: 6-4 dopo rigori

28/10/2020 16:48

Il derby di Coppa Italia tra Verona e Venezia lo vince l'Hellas e passa il turno (al 4° affronterà il Cagliari). Finisce 6-4 dopo i calci di rigore e per i gialloblù è stato uno spreco di energie più del dovuto (in considerazione del prossimo match di Campionato lunedì 2 novembre contro il Benevento). Nella ripresa infatti, gli scaligeri al 60' erano in vantaggio 2-0 e per condurre in porto la gara, sarebbe bastato gestirla con attenzione, senza andare a complicarsi la vita. Pensava d'averla già vinta il Verona e sul finale cala la concentrazione. Ne approfitta il Venezia che dapprima accorcia le distanze all'84' con Johnsen, per poi completare la rimonta all'86' con Capello. Inaspettatamente si va ai supplementari. I lagunari partono con più birra e vanno addirittura in vantaggio al 98' con Modolo. L'Hellas non ci sta e nel 2° tempo supplementare mostra gli attributi e trova il pari al 110' con Vieira. L'ultimo minuto è da thrilling sia per l'una che per l'altra parte. Da un nuovo angolo del Verona, grandissima opportunità per i padroni di casa, sventata da Pomini. Il Venezia si lancia in contropiede sparato con 3 uomini contro 0 del Verona e ciononostante falliscono il 3-4 davanti a Pandur che sventa la minaccia di Johnsen. Si va ai rigori ed il portiere gialloblù si rende protagonista parando le conclusioni di Modolo e Johnsen, ma non quella di Fiordilino. Per l'Hellas segnano Lazovic, Barak e Colley. L'ultimo rigore del veneziano Capello chiude il match in favore veronese: tiro e palla alta sulla traversa.

--------------------------------------------

Fine match. Passa l'Hellas 6-4 dcr.

4) per il Venezia tira Capello: fuori.

3) Colley per il Verona: gol.

3) Fiordilino per il Venezia: gol.

2) Barak per l'Hellas: gol.

2) Johnsen per il Venezia: Pandur para.

1) rigore del Verona, batte Lazovic: gol

1) rigore del Venezia, batte Modolo: para Pandur.

Si va ai rigori

Fine tempi supplementari

120', clamorosa opportunità per il Verona sugli sviluppi di un corner, ma Pomini si oppone benissimo e rilancia i suoi. Ancora più clamorosa è l'occasione del Venezia sul ribaltamento di fronte. Contropiede condotto in 3 contro 0 e Johnsen servito da Di Mariano non inquadra la porta. Si va ai rigori.

114', cross di Barak dalla sinistra, botta al volo di Dimarco e bella risposta di Pomini.

110', GOL-VERONA: angolo di Dimarco, testa di St. Clair che allontana sui piedi di Vieira: tiro del nr 26 gialloblù e palla nel sacco.

106', rovesciata di Di Mariano in area gialloblù assolutamente fuori misura.

Via al 2° tempo supplementare

Termina il 1° tempo supplementare

98', GOL-VENEZIA: corner dalla destra, testa di Modolo e palla in rete,

97', botta dalla distanza di Capello e Pandur è bravissimo a deviare in corner.

94', gioca bene il Venezia che sembra avere più birra del Verona: ci prova Serena, ma Pandur è bravo e blocca a terra.

Via al 1° tempo supplementare

Incredibile come il Verona ha saputo complicarsi la vita, a gara ormai acquisita. Sul 2-0 (59' raddoppio di Salcedo) i gialloblù hanno commesso l'errore di considerare chiusa la partita, smettendo di giocare come sanno. Troppi passaggi in orizzontale e ritmi lenti. I lagunari ne approfittano e agli sgoccioli recuperano il risultato. All'84' un errore di Dimarco favorisce Johnsen che punta la porta, fa fuori Lazovic e batte Pandur. 2' dopo, l'errore lo commette Amione. Retropassaggio errato verso Empereur, arrivo di Johnsen che ruba il tempo a tutti, serve al centro Capello, tocco in rete ed il pari è raggiunto.

Finisce il match e gara ai supplementari

concessi 4' di recupero

88', ammonito Amione nel Verona.

86', GOL-VENEZIA: Clamoroso al Bentegodi. Errore di Amione che sbaglia il retropassaggio verso Empereur. Arriva Johnsen sulla destra, ruba il tempo a tutti e serve Capello al centro dell'area, il quale appoggia in rete.

84', GOL-VENEZIA: riapre la partita Johnsen lanciato in area sulla destra. Il norvegese fa fuori Lazovic e con un tiro forte e preciso da distanza ravvicinata, batte Pandur.

78', cambi anche nel Venezia: fuori Marino e Crnigoj e dentro Ferrarini e Serena.

78', altri due cambi nel Verona: dentro Tameze e fuori Dawidowicz; fuori Ruegg e dentro Amione (al suo debutto in gialloblù).

73', nel Verona ammonito anche Empereur.

69', Ruegg ammonito tra le fila Hellas.

68', Ad un passo dal gol il Venezia: tiro di Capello dal limite con palla indirizzata verso il secondo palo. Arriva Di Mariano che prova a correggere la traiettoria verso la porta, ma spedisce sull'esterno della rete.

64', triplice cambio nel Venezia: escono Rossi, Cremonesi e Forte ed entrano Fiordilino, Modolo e Johnsen.

63', nel Verona entra Colley e fuori Zaccagni.

59', GOL-VERONA: bell'azione dell'Hellas. Ilic per Dimarco che serve a sinistra Lazovic, cross al centro per Salcedo che appoggia alle spalle di Pomini.

56', capovolgimento di fronte: tiro di Di Mariano dal limite e Pandur si fa trovare pronto.

55', ad un passo dal 2-0 il Verona: Salcedo crossa sul secondo palo dove arriva Zaccagni che però manca la deviazione in rete.

52', grandissimo tiro di Bjarkason dal limite dell'area e altrettanto ottima risposta di Pandur che respinge. Venezia pericoloso.

49', altro giallo tra le fila arancioneroverdi: è per Cremonesi per fallo su Ilic.

48', ammonito Rossi nel Venezia per trattenuta su Zaccagni.

46', Forte ci prova dalla distanza col mancino: Pandur alza in angolo.

46', dentro Dimarco e fuori Magnani nel Verona.

Via al secondo tempo

Termina il primo tempo al Bentegodi. Hellas in vantaggio per 1-0 grazie al gol dalla distanza firmato da Ilic al 40'. La gara è stata più che altro bloccata, con leggera prevalenza dell'Hellas. Pochissime emozioni e soltanto l'iniziativa da parte di un singolo l'avrebbe potuta sbloccare. Così è stato. L'episodio arriva al 40': Barak dalla destra tocca indietro per Ilic che sorprende Pomini con un grandissimo mancino dalla distanza.

Fine primo tempo dopo 2' di recupero

45', ancora Verona: Barak dalla sinistra allunga per Zaccagni che sfonda e mette in mezzo sul secondo palo: arriva Dawidowicz che spara alle stelle.

40', GOL-VERONA: sassata di Ilic dalla distanza, su assist di Barak: palla alla sinistra di Pomini.

31', nessuna emozione al Bentegodi. La gara prosegue con il solito canovaccio: Verona in avanti che prova a sfondare e Venezia che prova a pungere in contropiede, appena l'Hellas glielo permette.

26', nell'Hellas esce Faraoni leggermente infortunato ed al suo posto, dentro Dawidowicz.

25', Bjarkason conclusione dalla distanza, palla in curva.

20', Verona continua a fare la gara, ma non riesce ad andare alla conclusione e a rendersi pericoloso. Venezia quando può, cerca di offendere in contropiede.

15', Hellas inizia a prendere il sopravvento e a fare la partita.

9', uno-due tra Ilic e Salcedo con il nr 14 gialloblù che si presenta tutto solo davanti a Pomini, ma viene fermato proprio al momento del tiro dal difensore Svoboda.

5', risposta veneziana. Crnigoj dalla destra butta in mezzo per Forte che di tacco prova a sorprendere Pandur: parata del portiere croato.

4', prima conclusione del match è del Verona: Barak ci prova dalla distanza, ma Pomini è ben piazzato e blocca.

Primo tempo

Tutto pronto al Bentegodi per il derby Verona-Venezia, valido per il 3° turno di Coppa Italia. Nell'Hellas (che è all'esordio in Tim Cup), mister Juric lascia a riposo il portiere Silvestri e dentro Pandur nell'11 ufficiale. In difesa, Faraoni viene scalato fra i 3 del pacchetto arretrato e s'allinea a Magnani ed Empereur. A centrocampo, fasce affidate a Ruegg e Lazovic ed in mezzo ci saranno Vieira e Ilic. Sulla trequarti agiranno Zaccagni e Barak, a sostegno dell'unica punta Salcedo. Il Venezia (formazione di Serie B) allenato da Paolo Zanetti (in panchina però oggi ci sarà Andrea Soncin), nel turno precedente ha fatto fuori la Carrarese 2-0. Fra le sue fila: il portiere veronese ed ex Hellas, Pomini, il difensore Cremonesi e l'attaccante Di Mariano. La gara è unica (in caso di parità al 90', si andrà ai supplementari ed eventualmente ai calci di rigore) e chi vincerà affronterà nel 4° turno il Cagliari che ha battuto la Cremonese 1-0.

TABELLINO:

VERONA-VENEZIA 3-3

MARCATORI: 40' Ilic, 59' Salcedo, 84' Johnsen, 86' Capello; 98' Modolo, 110' Vieira.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Pandur; Faraoni, Magnani, Empereur; Ruegg, Vieria, Ilić, Lazovic; Barak, Zaccagni; Salcedo

A disposizione: Silvestri, Berardi, Dimarco, Udogie, Terracciano, Cancellieri, Dawidowicz, Bracelli, Pierobon, Amione, Tameze, Colley

All.: Ivan Jurić

VENEZIA (4-3-3): Pomini; St Clair, Cremonesi, Svoboda, Marino; Rossi, Bjarkason, Crnigoj; Capello; Forte, Di Mariano.

A disposizione: Lezzerini, Ferrarini, Vacca, Serena, Aramu, Modolo, Fiordilino, Johnsen, Maleh, Ceccaroni

All.: Andrea Soncin

Arbitro: Giacomo Camplone (Sez. AIA Pescara)

Assistenti: Thomas Ruggieri (Sez. AIA Pescara), Michele Grossi (Sez. AIA Frosinone)

IV uomo: Michele Delrio (Sez. AIA Reggio Emilia)

ANDREA FAEDDA


 
  • Pagine:
  • 1
  • 2
  • 3
  • Mario

    il 29/10/2020 alle 06:12 “Bravi”
    Abbiamo giocato bene, con i complimenti anche dei commentatori rai, per 80 minuti Poi, quando eravamo pieni di riserve, abbiamo fatto un paio di errori e abbiamo rischiato di uscire Va bene comunque, peccato avere subito la rimonta. Bene Pandur
     
  • Caniggia

    il 28/10/2020 alle 20:52 “Bhe Si Abbiamo Fatto.i Supplementari”
    ma lunedì è fra 4 giorni.e la squadra è giovane non penso possa essere.un problema... gli infortuni invece mi preoccupano perché ne abbiamo tanti.fuori
     
  • Stefano67

    il 28/10/2020 alle 20:13 “Caramolla”
    ceoloto serie B
     
  • Paolo

    il 28/10/2020 alle 20:09 “6-4”
    Il turno è stato superato e molti giovani hanno potuto mettere minuti nelle gambe. Questo era l'importante. Il Verona ha segnato due gol e tenuto la partita sotto controllo fino a dieci minuti dalla fine, poi si è complicato la vita regalando al Venezia non uno ma ben due gol e per poco non ha subito perfino la beffa di un'eliminazione che avrebbe avuto dell'incredibile. All'inizio del secondo tempo supplementare è sembrato che un po' tutti si siano guardati in faccia e abbiano detto: "va ben ragazzi adesso basta scherzare, non la possiamo mica perdere sul serio sta partita". Certo, sarebbe stato meglio se l'Hellas l'avesse chiusa sul 2-0 o 2-1 al massimo e che non avesse sprecato altre preziose energie; in compenso sono molto contento che Pandur, il cui destino è inevitabilmente quello di essere oscurato da Silvestri, abbia vissuto almeno questa giornata da protagonista assoluto. Resta da valutare l'effettiva condizione fisica di chi mancava oggi e di chi è dovuto uscire nel corso della partita. Sotto a chi tocca.
     
  • Papo

    il 28/10/2020 alle 19:52 “Acca”
    ha
     
  • Papo

    il 28/10/2020 alle 19:49 “Anche”
    il Benevento a preso 4 mandole dall'Empoli... più che altro preoccupano gli infortunati
     
  • Mike

    il 28/10/2020 alle 19:47 “Obbiettivi...”
    Non so quali siano i tuoi obiettivi Cara Merdina... ma continua così che per noi è oro che cola
     
  • Enrico Marchesini

    il 28/10/2020 alle 19:43 “Ciava Un Ca$$o”
    A me della coppa Italia non me ne frega niente . Comunque abbiamo passato il turno , mi dispiace per te Max e per carame4daa e per tutti i tristissimi tifosi del Chievo o trolls al soldo di qualcuno.
     
  • Dm

    il 28/10/2020 alle 19:34 “Oggi Si è Dimostrato”
    che se molliamo anche di poco, andiamo in difficoltà con chiunque.
     
  • Billy

    il 28/10/2020 alle 19:31 “Che Si Vinca...”
    o che si perda... FORZA VERONA caram*rdas mer*a