CAMBIO DI COACH

Diana ai saluti,
ritorna Ramagli

11/02/2021 01:35

Manca solo l’annuncio dell’arrivo di Alessandro Ramagli sulla panchina della Tezenis.

Il tecnico livornese, classe 1965, sostituisce Andrea Diana. Decisiva la sconfitta casalinga con Treviglio per il cambio di guida tecnica. Diana del resto era da settimane in bilico.

Ramagli sta risolvendo il contratto che lo legava a Udine, ma con la famiglia Pedrollo eta già stata raggiunta un’intesa di massima.

Per Ramagli si tratta di un ritorno dopo le tre stagioni a Verona dal 2013 al 2105, culminate con la conquista della Coppa Italia di A2 e il primo posto in regular season, poi vanificato dall’eliminazione dai playoff contro Agrigento. (Mariobasket)


 
  • Maroni Sgionfi

    il 11/02/2021 alle 10:04 “Condordo”
    Diana buon allenatore, è stato messo in cattiva luce persino da questa società scarsa ed inesperta. Cacciate i Pedrollo prima che sia troppo tardi, anni di soldi e risorse buttate al vento, e adesso ci ripropongono una minestra riscaldata che ha già fallito. Dei geni proprio !!
     
  • Michele

    il 11/02/2021 alle 09:43 “Poli Mi Scusi....”
    Mi perdoni. Ma ho capito male io l’intervista che le ha rilasciato il Pedrollo Sr al termine della partita con Milano al forum? Ma Diana non era gia’ allora un dead man walking? Esautorato dalla proprietà’ che lo avrebbe tenuto fino alla fine del ciclo di partite ravvicinate, con le sue parole Pedrollo ha dato la patente anche ai giocatori di non seguire più le indicazioni dell’allenatore. Ramagli rappresenta per noi veronesi il simbolo di ciò che non deve fare un allenatore (ridicolo arrivare ai play off con uno squadrone e perdere con una Agrigento al primo turno giocando da fantasmi senza onore contro una squadretta nemmeno in partita secca!) Ramagli esonerato anche da Udine, Ramagli che ha fatto schifo persino con i milioni della Virtus...). Pedrollo autocritica sulla tua gestione fallimentare si questi anni prima di tutto! Parti da li, va la....parti dal chiederti come mai, dopo tutto questo tempo squadre con blasone, giocatori, tifosi, soldi, sponsor e programmi “lungimiranti” triennali evaporati come ghiaccioli al sole ogni estate, siano ora piu’ avanti in classifica, piu’ credibili, piu’ ammirate di Verona. Un fallimento dietro l’altro su tutti i fronti societari...acquisti senza senso, rinnovi altrettanto, allenatori desautorati, GM bruciati, altri che fanno le Academy per poi smembrare o non utilizzare i propri talenti giovanili, soci che se ne scappano., A1 nell’anno del senza pubblico (con le entrate che arrivano solo dai diritti televisivi e dagli sponsor che chiedono visibilita’ nazionale, è stato il tuo piu’ grave errore) rimanere nell’inferno e nell’anonimato della A2 ....ragazzi....forse è meglio veramente che facciate un po’ di autocritica.....
     
  • Henry

    il 11/02/2021 alle 09:14 “Buttati Via Altri Soldi”
    Non era meglio spenderli per degli americano migliori ? Diana ha scelto lui i giocatori e gli americani ? allora si merita la cacciata , ma se non li ha scelti lui allora paga per le colpe di altri.
     
  • Andreea

    il 11/02/2021 alle 08:59 “Certo Che Ai Pedrollo Sta Sulle P***e Marcelletti”
    Come giustamente riporta l’amico baskettaro Lilloball su Sportando... Marcelletti no eh ?? Invece del solito bollito nel cacciucco... mi fa male il cuore solo a leggere Agrigento da qualche anno a sta parte. Pure ci sono andata e mi è stata antipatica poverina! Non si impara mai dai propri errori. Si vede che Marcelletti avrà offeso i Pedrollo quindi lo hanno fatto fuori. Certo che se si pensa che è anziano... guarda Dalmasson che sta facendo ancora bene a Trieste... Vabbè, così ci toccherà rimuovere il ricordo di Agrigento e sostituirlo con... Agrigento sfida promozione in A2 ... persa 3-0!...