Primavera, rinviata Parma-Verona

13/02/2021 10:24

La Lega B ha comunicato il rinvio a data da destinarsi di Parma-Verona, gara valida per la 9a giornata del campionato Primavera 2 e in programma oggi, sabato 13 febbraio (14.30). La partita è stata rinviata per le avverse condizioni meteo dovute alla fitta nevicata delle ultime ore che avrebbe reso il campo del centro sportivo di Collecchio impraticabile.

Email inviata con successo

Hellas di Corrent perde all'ultimo respiro (2-3)

06/02/2021 17:00

Dopo le prime battute di gara, la prima occasione del match è - al 3' - per l'Hellas Verona con Florio che, su calcio di punizione, impensierisce l'estremo difensore del Venezia Lazar, costretto a deviare in corner. Al 13' il Venezia trova il vantaggio per 0-1 grazie alla conclusione da fuori area di Hasanbegovic. Immediata la reazione dei ragazzi di mister Corrent con Elvius che, un istante prima di calciare, viene anticipato da Lazar. Al 17' il Venezia raddoppia grazie ad una ripartenza finalizzata dalla rete di Hasabegovic. Il Verona riapre il match al 21' grazie ad un passaggio millimetrico di Coppola per Jocic che, dopo uno strepitoso controllo, conclude in rete alle spalle di Lazar. Al 35' il Verona si rende (ancora) pericoloso con una ripartenza: Florio serve in area di rigore Jocic che, a 'tu per tu' con Lazar, si fa ipnotizzare dal portiere veneziano che devia in corner.


Ancora un'occasione per i gialloblù, al 39', con Jocic che serve Amione con un cross all'interno dell'area di rigore avversaria: il difensore argentino colpisce al volo e la palla esce a pochi centimetri dal palo.

Dopo 2 minuti di recupero le squadre vanno a riposo sul parziale di 1-2.

Il secondo tempo si apre con un cambio per i gialloblù: entra Astrologo ed esce Squarzoni. I primi minuti della ripresa 'vedono' il Verona costruire numerose azioni sulla fascia sinistra dove Amione e Florio offrono cross interessanti all'interno dell'area di rigore veneziana. Al 20' un altra occasione per Jocic che non riesce ad inquadrare la porta da buona posizione. Dopo 4 corner consecutivi l'Hellas Verona trova il pareggio con il colpo di testa di Coppola che sigla il momentaneo 2-2. Al 29' Bertini sterza in area di rigore avversaria e viene atterrato: l'arbitro indica il dischetto del rigore.


La conclusione dello stesso Bertini viene intercettata da Lazar e deviata in angolo. Al 33' mister Corrent effettua la seconda sostituzione: entra Bragantini ed esce Cancellieri. Ancora da calcio d'angolo una conclusione pericolosa del Verona intercettata sulla linea di porta da Lazar. Al 50' st viene espulso Calabrese per un dubbioso fallo ai danni di Hasanbegovic che, dal dischetto, realizza la tripletta personale.


HELLAS VERONA-VENEZIA 2-3

Marcatori: 13' e 17' pt Hasanbegovic (0-1)(0-2), 21' pt Jocic (1-2), 25' st Coppola (2-2), 50' st Hasanbegovic

HELLAS VERONA: Borghetto; Gresele, Amione, Coppola, Squarzoni (dal 1' st Astrologo), Calabrese, Florio, Terracciano (dal 31' pt Pierobon), Elvius, Jocic (dal 23' st Bertini), Cancellieri (dal 33' st Bragantini)

A disposizione: Aznar, Kivila, Bracelli, Bernardi, Diaby, Nkosi Kansaku, Ferrarese, Gomez Marquez

All.: Nicola Corrent

VENEZIA: Lazar; Garcia Leyba, De Grandi, Bortolin (dal 1' st Candic), Gabrieli, Poha, Perissinotto, Marchesan, Hasanbegovic, Peresin (dal 43' st Abubakar), Stefani (dal 33' st Salvador) (dal 48' st Mozzo)

A disposizione: Tonello, Galliani, Bossi, Marzocchi, Botta, Antinoro, Scanferlato

All.: Nicola Marangon

Arbitro: Francesco Luciani (Sez. AIA di Roma 1)

Assistenti: Luca Testi (Sez. AIA di Livorno), Marco Lencioni (Sez. AIA di Lucca)

Email inviata con successo

Verona Primavera vola ai quarti di Coppa

03/02/2021 18:17

Vittoria di grande spessore quella della Primavera di mister Corrent, che espugna il 'Tre Fontane' battendo per 2-1 la Roma, squadra capolista del campionato di Primavera 1, e qualificandosi così per il prossimo turno di Coppa Italia. La partita si sblocca nel primo tempo grazie al colpo di testa di Coppola, poi nel recupero della ripresa arriva il raddoppio di Yeboah e infine la rete di Satriano. Il Verona è ai quarti di finale!


Prime battute vivaci al 'Tre Fontane', dove i padroni casa hanno due occasioni da gol con Tall e Milanese, mentre Cancellieri firma il primo tentativo gialloblù con un forte sinistro che impegna Boer in angolo. E su quel corner il Verona passa in vantaggio, grazie allo stacco di testa in area di Coppola che gonfia la rete e firma l'1-0. La rete rallenta in un certo senso i ritmi di gioco, almeno fino al 24’ quando una percussione di Zalewski mette in difficoltà la retroguardia gialloblù con Kivila che si salva con l’ausilio della traversa. Al 35’ una cavalcata di Amione dalla difesa trova impreparata la Roma: l’argentino appoggia a Cancellieri, il cui tiro è respinto corto e imbecca Elvius vicinissimo alla porta, ma la sua conclusione è chiusa da una disperata presa bassa di Boer. Sul finale di frazione è nuovamente richiesta la smanacciata in angolo di Kivila sulla semirovesciata in area di Tall, sul cross da destra di Podgoreanut.


Roma aggressiva in avanti a inizio ripresa: i giallorossi cercano la qualità dei propri esterni, con il Verona che cerca invece spunti in ripartenza, ma senza disdegnare l’impostazione. Tutta la prima metà della seconda frazione prosegue su questa linea, con le squadre che creano un paio di occasioni a testa, senza però impensierire i portieri. Alla mezzora, dopo il pericoloso colpo di testa su assist di Cancellieri che finisce alto sopra la traversa, sulla rinvio della Roma Terracciano recupera il possesso, ma viene falciato da Vicario che, già ammonito, viene espulso. Il Verona prende fiducia è un minuto più tardi è vicino al raddoppio con una botta da fuori di Squarzoni che si spegne sul fondo. Sul finale, con la Roma riversata in avanti, l’Hellas sfrutta grandissimi varchi in attacco, ma Jocic e Yeboah, che hanno sui piedi due grandi occasioni, non riescono a sfruttarle. Nel recupero Bragantini, grazie alla sua velocità, arriva sul fondo e mette un’altra grande palla in mezzo: e allora Yeboah, 2-0. Appena un minuto e Satriano, che si è mosso bene in area, fa 1-2.


ROMA-HELLAS VERONA 1-2


Marcatori: Coppola 13' pt, 48’ st Yeboah, 49’ st Satriano


Roma: Boer; Ndiaye, Feratovic, Vicario, Milanese (dal 33’ st Satriano), Tripi, Podgoreanut, Bove (dal 13’ st Darboe), Tall, Zalewski (dal 44’ st Bamba), Providence

A disp.: Mastrantonio, Milan, Buttaro, Tomassini, Morichelli, Scandurra, Cassano, Vetkal, Evangelisti

All.: De Rossi


Hellas Verona: Kivila; Gresele, Amione, Coppola, Astrologo (dal 21’ st Squarzoni), Calabrese, Pierobon, Terracciano, Elvius (dal 28’ st Yeboah), Cancellieri (dal 41’ st Jocic), Florio (dal 28’ st Bragantini)

A disp.: Aznar, Ogliani, Bracelli, Bernardi, Bertini

All.: Corrent


Arbitro: De Tommaso (Sez. AIA Rimini)

Assistenti: Somma (Sez. AIA Castellammare di Stabia), D'Apice (Sez. AIA Castellammare di Stabia)


NOTE. Ammoniti: Gresele, Podgoreanut, Vicario, Tall. Espulso: Vicario

Email inviata con successo

Primavera Hellas pareggia col Brescia

30/01/2021 16:59

Quarto risultato utile consecutivo (quinto in sei partite) per la Primavera di mister Nicola Corrent, che torna da Brescia con un punto dopo lo 0-0 maturato al 'Campo Sportivo San Filippo'. Nella 7a giornata del Campionato Primavera 2 2020/21 i gialloblù giocano creando occasioni a ripetizione mantenendo il 'pallino' del gioco e accusando alcune difficoltà sui tentativi di ripartenza dei padroni di casa. Il finale maturato permette a Calabrese e compagni di proseguire il loro cammino.

Venendo alla cronaca del match, dopo una prima fase di studio tra le due formazioni con il Verona che imposta il proprio gioco a partire dalla difesa - cercando di coinvolgere nell'azione più giocatori possibili - ed il Brescia che, invece, offre molti duelli e spunti soprattutto a centrocampo, al 3' minuto ecco la prima occasione per le 'rondinelle': inserimento di Parzajuk che, dopo una ribattuta di Borghetto sul precedente tiro di Barazzetta, si precipita sul pallone per tentare il 'tap-in'. L'estremo difensore gialloblù compie un provvidenziale intervento ed impedisce il potenziale vantaggio del Brescia.

Cinque minuti più tardi, all' 8', si rivede in avanti l'Hellas Verona grazie alla prima nitida occasione per la formazione di Nicola Corrent: inserimento di Yeboah che dribbla due avversari, tenta la conclusione, deviata poi in corner dalla retroguardia bresciana. Al 25' il punteggio è ancora fermo sullo 0-0: il campo offre una partita ricca di occasioni da una parte e dall'altra. I gialloblù si rendono, ancora, pericolosi con Yeboah che, di testa, spedisce - da buona posizione - di poco alto sopra la traversa un cross di Cancellieri. Dopo 2 minuti di recupero termina il primo tempo con un Verona propositivo in attacco alla ricerca del vantaggio ed, in crescendo, in questo finale di tempo. Partita molto intensa ed equilibrata sino a questo momento.
Squadre a riposo sul parziale di 0-0.

Nella ripresa il canovaccio non cambia: è il Verona a proporsi con costanza nella metà campo avversaria. Al 4' un'occasione importante per i gialloblù: Cancellieri dribbla un avversario al limite dell'area, cede palla a destra per Jocic che conclude, 'a giro', sfiorando la traversa. Pochi istanti dopo, Pierobon - dopo una ripartenza manovrata con Bertini e Yeboah - colpisce sfortunatamente il palo. Al 7' mister Corrent effettua il primo cambio: Bernardi prende il posto di Diaby. In questa prima fase di ripresa - giunta al 22' - i ragazzi di Corrent effettuano lunghe trame di gioco: fasi di possesso palla intervallate da numerosi attacchi per cercare di trovare il vantaggio. Alla mezz'ora arriva la prima occasione per il Brescia nata da un errore in fase di possesso palla del Verona: Barazzetta intercetta un retropassaggio di Bernardi, Borghetto esce prontamente in chiusura cercando di ridurre la visuale all'attaccante. Quest' ultimo, dopo aver superato l'estremo difensore gialloblù - da posizione defilata - conclude a lato. Nel finale, molto spezzettato e disordinato, il Verona cerca di attaccare e, dall'altra parte, il Brescia punta sulle ripartenze. Prima del triplice fischio grande occasione per il Brescia con Del Barba; la sua rete viene annullata su segnalazione dell'assistente.

BRESCIA-HELLAS VERONA 0-0

Brescia: Rovelli; Boafo (dal 31' st Bui), Danesi, Bertoni, Maccherini, Castellini, Rassega (dal 1' st Manu), Butturini (dal 27' st Cristini), Parzajuk (dal 31' st Del Barba), Rodriguez, Canciani (dal 27' st Trezza), Barazzetta
A disposizione: Prandini, Mor, Bacchin
All.: Gustavo Aragolaza
Hellas Verona: Borghetto; Gresele, Diaby (dal 7' st Bernardi), Coppola, Squarzoni (dal 24' st Florio), Calabrese, Bertini, Pierobon, Yeboah, Jocic, Cancellieri
A disposizione: Kivila, Aznar, Fornari, Martone, Nkosi Kansaku, Ferrarese, Elvius, Bragantini
All.: Nicola Corrent
Arbitro: Antonino Costanza (Sez. AIA Agrigento)
Assistenti: Stefano Camilli (Sez. AIA Foligno), Andrea Cravotta (Sez. AIA Città di Castello)
NOTE. Ammonizioni: Butturini, Cancellieri, Boafo

Email inviata con successo

Hellas Primavera vince dopo 4 mesi

17/01/2021 17:30

La Primavera torna finalmente a giocare, dopo mesi di stop, e a vincere. Nella 5a giornata del campionato di Primavera 2 (Udinese-Hellas Verona) i ragazzi di Corrent decidono il match nel secondo tempo. Al 51' il colpo di testa di Yeboah, al 91' il contropiede di Bragantini: 2-0 per il Verona.


LE PAROLE DI MISTER CORRENT DOPO LA GARA

"La soddisfazione per la vittoria? Una partita dura, difficile e di grande competizione. Abbiamo vinto meritatamente contro una squadra che, come detto, è veramente attrezzata. Sono contento per tutti i ragazzi, che si sono presi una bella soddisfazione dopo così tanti giorni senza partite. Tutti hanno contribuito a questa vittoria. Il gol a inizio ripresa? Fondamentale, perché tecnicamente il primo tempo è stato molto buono ma non abbiamo trovato il gol: ci è forse mancata qualità per finalizzare negli ultimi metri. Abbiamo cercato di mantenere il dominio della partita nei primi 45' e ci siamo riusciti. Nel secondo tempo, dunque, siamo stati bravi a trovare subito un gol che poi è risultato davvero importante. Loro hanno avuto una reazione forte, ma noi siamo stati in grado di soffrire senza mai perdere la testa. Se ho cercato l'azione di contropiede? So quanto Bragantini possa essere veloce e pericoloso in queste situazioni, è stato bravissimo in occasione del gol. Se fossimo stati ancora sullo 0-0 avrei scelto Florio, perché è un altro bravissimo giocatore e ha tanta confidenza col pallone. Non a caso è stato ottimo nel servire l'assist dopo appena tre minuti dal suo ingresso in campo".


Primo tempo vivace dell'Hellas, che dopo un'iniziale fase di studio mantiene il pallino del gioco per gran parte della frazione. Diverse le occasioni create dai gialloblù di mister Nicola Corrent, con la qualità del centrocampo che cerca di imbeccare uno fra Bertini, Yeboah o Cancellieri. L'Udinese nel corso dei 45' cerca due volte, pericolosamente, la conclusione dalla distanza, ma Borghetto è attento. Al 21' la più grande occasione: l'Hellas trova la rete, che viene però annullata per fuorigioco di Coppola sul cross di Bertini.


Riparte molto bene il Verona, che insiste sulle ottime trame proposte nel primo tempo e infatti, in avvio di ripresa, trova il vantaggio: sortita sulla corsia di destra, palla a Cancellieri che crossa dal fondo e trova il puntuale colpo di testa di Yeboah, 0-1. Dopo il gol crescono però i bianconeri, ma la retroguardia gialloblù, già attentissima nel primo tempo, concede il minimo agli avversari. L'Hellas però, con l'avvicinarsi della mezzora, deve gestire e coprirsi, facendo fronte ai sempre più insistenti e pericolosi tentativi dei padroni di casa: decisivo in questo frangente anche Borghetto, strepitoso su un colpo di testa di Palumbo. L'intensissimo ultimo quarto d'ora trascorre a ritmi elevati, ma è ancora il Verona, sul più classico dei contropiedi, a segnare e chiudere la gara. Bragantini, lanciato a tu per tu con Carnelos, è glaciale. 0-2.


UDINESE-HELLAS VERONA 0-2

Marcatore: 6' st Yeboah, 46' st Bragantini


UDINESE: Carnelos; Tassotti (dal 34' st Del Fabro), Cucchiaro, Maset, Rigo, Cocetta (dal 23' st Garbero), Micin (dal 23' st Basha), Battistella, Ferla (dal 1' st Damiani), Palumbo, Pinzi (dal 42' st Fedrizzi)

A disposizione: Piana, Bruno, Brighi, Codutti, Rossitto, Zuliani, Castagnaviz

All.: Moras


HELLAS VERONA: Borghetto; Gresele, Bernardi, Coppola, Squarzoni, Calabrese, Bertini (dal 44' st Florio), Terracciano, Yeboah, Jocic (dal 34' st Pierobon), Cancellieri (dal 29' st Bragantini)

A disposizione: Aznar, Ogliani, Fornari, Diaby, Martone, Joselito

All.: Corrent


Arbitro: Rinaldi (Sez. AIA Bassano del Grappa)

Assistenti: Zampese (Sez. AIA Bassano del Grappa), Torresan (Sez. AIA Bassano del Grappa)


NOTE. Ammoniti: Maset, Garbero

Email inviata con successo

Italia Under 20, Udogie e Salcedo convocati

02/10/2020 11:07

A circa un mese dall’ultimo raduno tenuto a Tirrenia, Alberto Bollini convoca 27 giocatori per uno stage della Nazionale Under 20 che si svolgerà al CPO dell’Acquacetosa di Roma dal 4 all’11 ottobre.


Sono 17 gli atleti nati nel 2001 e 10 quelli nati nel 2002, un gruppo che rappresenta l’ossatura della squadra che, a meno di un ulteriore rinvio – sarebbe il quarto dopo quelli di marzo, settembre e ottobre – causato dall’emergenza COVID-19, dovrebbe affrontare la seconda fase di qualificazione all’Europeo Under 19 in calendario dall’11 al 17 novembre a Padova.


Avversarie dell’Italia nel gruppo 5 sono Islanda, Norvegia e Slovenia: l’obiettivo sarebbe quello di conquistare l’unico posto disponibile per accedere alla fase finale dell’Europeo di categoria che dovrebbe svolgersi in Irlanda del Nord a marzo. Il torneo continentale che, ricordiamo, si sarebbe dovuto giocare a luglio di quest’anno e che avrebbe coinvolto soprattutto i giocatori nati nel 2001, mette in palio, oltre al titolo di Campione Europeo della categoria, anche 5 posti per il Campionato Mondiale Under 20 in programma a maggio in Indonesia.


Lista dei convocati


Portieri: Federico Brancolini (Fiorentina), Alessandro Saiano (Imolese), Stefano Turati (Sassuolo);


Difensori: Nicolò Armini (Lazio), Devid Eugene Bouah (Roma), Riccardo Calafiori (Roma), Christian Dalle Mura (Fiorentina), Davide Ghislandi (Atalanta), Caleb Okoli Memeh (Spal), Lorenzo Pirola (Inter), Fabio Ponsi (Fiorentina), Matteo Ruggeri (Atalanta);


Centrocampisti: Alessandro Cortinovis (Atalanta), Manu Emmanuel Gyabuaa (Atalanta), Federico Marigosu (Olbia), Gaetano Pio Oristanio (Inter), Daniel Maldini (Milan), Simone Panada (Atalanta), Alessio Riccardi (Pescara), Franco Daryl Tongya Heubang (Juventus), Destiny Udogye (Hellas Verona), Emanuele Zuelli (Chievo);


Attaccanti: Gianmarco Cangiano (Ascoli), Lorenzo Colombo (Milan), Sebastiano Esposito (Spal), Roberto Piccoli (Spezia), Eddie Anthony Salcedo Mora (Hellas Verona).


Staff: Allenatore, Alberto Bollini; Assistente Allenatore, Giovanni Valenti; Segretario, Aldo Blessich; Preparatore Atletico, Vito Azzone; Preparatore Portieri, Graziano Vinti; Match Analyst, Leonardo Carletti; Medici, Emanuele Fabrizi e Luca Labianca; Nutrizionista, Cristian Petri; Fisioterapisti, Giuseppe Galli e Roberto Cardarelli.


Fonte: figc.it

Email inviata con successo

Ufficiale: Ragusa in prestito a Brescia

02/10/2020 11:03

Ora è ufficiale: Antonino Ragusa va al Brescia. "Hellas Verona FC - si legge nella nota - comunica di aver ceduto a Brescia Calcio - a titolo temporaneo sino al 30 giugno 2021, con diritto di opzione e obbligo di acquisizione definitiva da parte del Club lombardo al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi – le prestazioni del 30enne attaccante siciliano Antonino Ragusa, al quale il Club gialloblu augura il meglio per questa nuova esperienza professionale".

Email inviata con successo

Cuore gialloblù, ecco chi è in testa

30/09/2020 12:19

Ancora un grande Verona, che ottiene altri 3 punti al 'Bentegodi' battendo di misura un'avversaria ostica come l'Udinese. I gialloblu combattono, si difendono e attaccano in una partita vera, aperta a ogni risultato, in cui a spuntarla è lo spirito Hellas.


I 1000 tifosi sugli spalti vanno in visibilio al primo gesto tecnico di una certa fattura, ma apprezzano soprattutto lo spirito combattivo, come dirà mister Ivan Juric al termine della partita, portando alla luce l’elemento distintivo di una prestazione apprezzata anche da chi la gara l’ha seguita in televisione o alla radio.


Per quei gesti tecnici, per quella tenacia e per una presenza costante per efficacia a centrocampo, e non solo, i tifosi hanno votato Adrien Tameze come Cuore Gialloblù di Hellas Verona-Udinese.


Al secondo posto, staccato di una manciata di voti da Tameze, Andrea Favilli, autore del suo primo gol in Serie A, frutto dell’istinto da attaccante di razza, ma anche di buona tecnica e senso della posizione.


Terzo, anche lui poco distante dal gradino più alto del podio, Antonìn Baràk, apprezzato per le qualità espresse a ridosso degli attaccanti o al fianco di Veloso. Tantissimi voti anche per Marco Silvestri, decisivo, ancora una volta, fra i pali del Verona.

Email inviata con successo

Gotti: Costruite molte più palle-gol del Verona

27/09/2020 18:12

"Sono dispiaciuto per la sconfitta perchè l'Udinese ha avuto opportunità addirittura molto più clamorose rispetto a quelle del Verona e non le ha sapute concretizzare. Applausi però per la personalità mostrata in campo". Così l'allenatore dell'Udinese, Luca Gotti, al termine del match perso contro il Verona per 1-0. Prosegue il mister friulano: "Il mercato? Manca ancora qualcosina per completare la rosa. Sono convinto che la società porrà rimedio".

Sulle note positive: "L'atteggiamento dei nuovi ragazzi. Non è mai facile inserirsi in un gruppo nuovo ed invece alcuni di loro come Arslan, l'hanno fatto benissimo, mettendosi a disposizione mia e dei compagni".

A.F.

Email inviata con successo

Nicola: Salvezza poteva arrivare molto prima

02/08/2020 23:48

“Quando sono arrivato a Genova volevo solo sdebitarmi coi tifosi, per una foto che mi mandarono. La salvezza raggiunta stasera la dedico a loro”. Così in sintesi l’allenatore del Genoa, Davide Nicola, dopo la vittoria contro il Verona per 3-0. Prosegue il mister gialloblù: “E’ stata un’avventura fantastica iniziata 7 mesi fa. L’impegno ce l’abbiamo messo tutti ed il traguardo è meritato in un Campionato atipico che sarà ricordato per sempre. La salvezza poteva arrivare molto prima, ma è arrivata soltanto stasera all’ultima giornata. Dal mio arrivo però i ragazzi hanno totalizzato punti per essere noni in classifica”.

Sulla rigenerazione del Genoa: “Hanno contribuito anche i “vecchietti” della squadra come Pandev, Behrami e Zapata che hanno mostrato una grande fame. Questo è l’esempio che va dato ai più giovani”.

A.F.

Email inviata con successo